Barcellona Pozzo di Gotto (Messina), 20 novembre 2019 - Tragedia a Barcellona Pozzo di Gotto, in provincia di Messina. Una tremenda esplosione ha coinvolto la fabbrica di articoli pirotecnici di Vito Costa e dei figli, situata in un vecchio casolare in contrada Cavalieri, vicino alla località Femmina Morta. Il bilancio delle vittime - cinque morti e due feriti  - si è aggravato intorno alle 21.30 circa, quando è stata trovata dai carabinieri e dai vigili del fuoco un'altra vittima dell'esplosione. Gli investigatori hanno specificato che l'operaio che era stato estratto vivo dalle macerie è poi morto in ospedale. Tra i morti accertati anche la moglie del titolare, Venera Mazzeo, 71 anni.

Il capitano dei carabinieri Giancarmine Carusone spiega: "Dai primissimi accertamenti sembra ci siano state due esplosioni perché all'interno della fabbrica c'erano degli operai con delle saldatrici: le scintille avrebbero raggiunto la polvere pirotecnica causando le esplosioni". Le altre vittime, oltre alla moglie del titolare, sarebbero proprio alcuni degli operai di una ditta esterna che stava facendo dei lavori.

La Procura ha aperto un'inchiesta per strage colposa. Sul posto il pm De Micheli, coordinato dal procuratore capo Emanuele Crescenti, che parla di "scene terribili, post belliche" e spiega: "La fabbrica è strutturata in diversi edifici e ne sono esplosi due". E Crescenti aggiunge: "Aspettiamo sul luogo del disastro il Genio militare, perché ci sono ancora esplosivi non esplosi, anche se la situazione è sotto controllo". Sono sedici in tutto gli stabili nel deposito di fuochi d'artificio. E al momento gli inquirenti non possono ancora intervenire perché gli stabili vanno messi in sicurezza. "C'è stato una sorta di effetto domino", spiega ancora il procuratore capo.

Morti e feriti

Una delle vittime è Venera Mazzeo, 71 anni, moglie del titolare del deposito di fuochi d'artificio e polveri piriche. Il titolare della fabbrica, parlando con gli inquirenti, ha raccontato che il figlio - Bartolomeo Costa, 37 anni - nonostante fosse gravemente ustionato su tutto il corpo, ha provato in tutti i modi a salvare la madre, ma senza riuscirci: l'anziana donna è morta per le ustioni riportate. Il giovane è ricoverato in gravissime condizioni in ospedale a Palermo, nel reparto grandi ustionati. I medici stanno tentando di salvarlo.

A quanto si apprende ci sono altri feriti gravi, almeno due, con parti del corpo ustionate. Sono stati trasportati per un primo intervento  all'ospedale "Fogliani" di Milazzo per le estese ustioni. Uno di loro è un operaio, Antonio Bagnato.

false

L'esplosione e l'incendio

Nella zona si è sentito un boato e subito dopo uno più forte che si sono uditi fino a Milazzo e che hanno causato panico. Nell'area scene di dolore e panico: parenti e amici della famiglia Costa sono giunti sul posto. Le persone sono tenute a distanza dal luogo dell'esplosione, mentre i vigili del fuoco stanno spegnendo l'incendio che ha seguito la deflagrazione, le cui cause sono ancora da accertare. Sul posto, oltre ai pompieri, sono intervenuti polizia, carabinieri e numerose ambulanze. La famiglia Costa produce fuochi d'artificio di prima, seconda e terza categoria e organizza anche spettacoli pirotecnici per privati o enti pubblici. La fabbrica ha un punto vendita in via salita 1 del Carmine a Barcellona Pozzo di Gotto. Secondo il Codacons, sono 68 le "vittime registrate in Italia dal 2000 ad oggi a causa di esplosioni nelle fabbriche di fuochi d'artificio".

Costa, i leader dei fuochi pirotecnici

La 'ditta Pirotecnica Vito Costa e figli' di Barcellona Pozzo di Gotto, è nata agli inizi del 1900, specializzandosi nella produzione di fuochi d'artificio di prima, seconda e terza categoria. Nel corso degli anni ha acquisito molto esperienza e molta creatività, catturando il pubblico con esibizioni di fuochi pirotecnici di vario genere - notturni, diurni, acquatici - seguito poi da quelli piromusicali, per privati o enti pubblici.
Insomma, una società leader anche internazionale nel settore, che ha ottenuto ottimi risultati soprattutto a livello Mondiale, vincendo lo spettacolo "Campioni del mondo di Sanremo" nel 1998 e arrivando poi nel 1999 terzo classificato. 

Notizia in aggiornamento