. “Il Bacio” di Francesco Hayez (1859) conservato all’Accademia di Brera
. “Il Bacio” di Francesco Hayez (1859) conservato all’Accademia di Brera
di Ferruccio Farina Il 23 dicembre 1921 a Santiniketan, piccola città del west Bengala a cento miglia da Calcutta. Il grande poeta filosofo indiano Rabindranath Tagore, premio Nobel per la letteratura nel 1913, fonda un’università alla quale dà il nome di Visva Bharati, letteralmente ’comunione del mondo con l’India’. Ebbene, l’8 marzo prossimo, insegnanti e studenti della nobile e prestigiosa università di Santiniketan, che ancora segue rigorosamente le regole del fondatore, si collegheranno live streaming tramite Internet con altre venti università dei cinque continenti,...

di Ferruccio Farina

Il 23 dicembre 1921 a Santiniketan, piccola città del west Bengala a cento miglia da Calcutta. Il grande poeta filosofo indiano Rabindranath Tagore, premio Nobel per la letteratura nel 1913, fonda un’università alla quale dà il nome di Visva Bharati, letteralmente ’comunione del mondo con l’India’.

Ebbene, l’8 marzo prossimo, insegnanti e studenti della nobile e prestigiosa università di Santiniketan, che ancora segue rigorosamente le regole del fondatore, si collegheranno live streaming tramite Internet con altre venti università dei cinque continenti, recitando e animando i versi di Francesca della Commedia, in uno dei tributi più corali mai dedicati a Dante e alla sua mitica creatura. Francesca da Rimini tornerà a casa, non a caso nel giorno della Festa della donna, grazie al suo bacio che risuonerà dalla Cinaagli Usa, dall’Australia all’Africa fino all’Europa, in un flash mob planetario organizzato per dar inizio alle celebrazioni per il centenario dantesco 2021 delle terre malatestiane tra Romagna e Marche.

Un bacio recitato, animato e cantato da centinaia di studenti di ogni lingua ed etnia che, grazie al web, supereranno barriere e confini per riunirsi in un unico grande coro.

Chi giudicherà poco più che una goliardata la performance dei giovani indiani della Visva Bharati, dei loro amici dell’Alma Mater, della Sorbona, dell’Ucla e dei tanti altri sparsi per il globo, sbaglia davvero. Il tributo a Dante di questi ragazzi è un piccolo grande gesto che vale ben di più degli sproloqui dei troppi esegeti del Poeta che da secoli si ripetono le stesse domande e le stesse risposte. È un coro gioioso e positivo che inneggia, in forme e linguaggi, talvolta semplici ma universali, al valore assoluto della bellezza, della poesia, dell’amore, della vita, dell’armonia tra gli uomini e tra l’uomo e il creato.

Tra i tanti problemi che ancor oggi ci affliggono, i matrimoni imposti a giovani donne trattate come merce e la violenza tra le mura domestiche che miete ogni anno decine di migliaia di vittime. Barriere da abbattere e valori da conquistare che Francesca da Rimini, mitico personaggio letterario, ci rappresenta in maniera esemplare.

Il primo obiettivo degli organizzatori di Worldwide kisses | baci dal mondo, l’iniziativa che l’8 marzo si potrà seguire online, era testimoniare l’universalità della fama del Poeta e di Francesca da Rimini. Ma l’incontro tra Dante e Tagore, al di là di ogni barriera, problemi di contagio compresi, ha trasformato questo fantasioso flash mob in un momento dal grande valore simbolico. È un gesto corale, davvero planetario, dal quale trarre motivi di profonda riflessione su quell’armonia che è l’anelito di tanti pensatori come il grande fiorentino e il grande indiano. Ma anche di quei tanti giovani dei paesi più disparati che useranno le più moderne tecnologie della rete per parlare al mondo attraverso la poesia, con entusiasmo e fiducia nel futuro.