"Stiamo ricevendo continue segnalazioni di operatori e cittadini che indicano possibili casi di induzione alla prostituzione e che si svolgono in appartamenti e abitazioni nel quartiere alto ma che interessano anche altre zone come Chiaia, Mergellina, il Vasto e le aree contigue alle maggiori stazioni. Anche strade e condomini importanti non sarebbero esclusi". A denunciarlo è l’Abbac, associazione dei B&B, Affittacamere Case Vacanze di Napoli. Adesso indaga la polizia Municipale che sta cercando di risalire ai gestori di questi locali che sfruttando metodi consentiti dalla legge alimentano un giro d’affari da migliaia di euro al giorno nel quale anche la camorra riesce a guadagnare. In base ai quartieri cambiano le nazionalità delle ragazze che offrono il loro corpo a pagamento. Al Vomero, in strade centrali come in via Kerbaker e via Scarlatti, ci sono brasiliane, colombiane e argentine. A Chiaia, tra la Riviera e la zona di Mergellina, ci sono le ragazze dell’est Europa: russe, ma anche moldaveepolacche. Nel quartiere Stella si trovano le bengalesi e al centro storico le nigeriane.