Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
7 gen 2022

Autovelox automatici: senza foto, niente multa

Il giudice di pace accoglie il ricorso di un automobilista. "L’immagine dell’infrazione deve essere sempre allegata al verbale"

7 gen 2022
alberto pieri
Cronaca
Un autovelox: su funzionamento, tara, abusi e contravvenzioni le polemiche sono ricorrenti
Un autovelox: su funzionamento, tara, abusi e contravvenzioni le polemiche sono ricorrenti
Un autovelox: su funzionamento, tara, abusi e contravvenzioni le polemiche sono ricorrenti
Un autovelox: su funzionamento, tara, abusi e contravvenzioni le polemiche sono ricorrenti

Roma, 7 gennaio 2022  - Le multe fatte con l’autovelox a funzionamento automatico possono essere annullate in caso di ricorso se chi ha elevato la sanzione non produce in giudizio la foto utilizzata per provare la stessa infrazione al codice della strada. Lo stabilisce una sentenza del giudice di Pace di Cassino, in particolare se il verbale è stato redatto in ufficio, in un momento successivo a quello dell’infrazione. La sanzione annullata con sentenza n.2430 era stata elevata per eccesso di velocità in un paese in provincia di Frosinone, a seguito dell’esame delle prove fotografiche scattate dall’autovelox e visionate in ufficio da agenti accertatori. Inoltre, al momento dell’infrazione, non erano presenti a bordo strada né l’agente che aveva poi redatto il verbale né un operatore della Stradale. "Per questo motivo — spiega la sentenza — il verbale proposto non ha fede privilegiata rispetto alla presunta infrazione contestata, trattandosi di accertamento eseguito mediante un’attività ispettiva di verifica del rilievo strumentale". L’indisponibilità dell’immagine scattata dall’Autovelox risulta così determinante per l’accoglimento del ricorso presentato dalla conducente sanzionata per l’annullamento del verbale. In proposito, gli esperti del periodico specializzato All-In Giuridica sottolineano che sulla prefettura chiamata in giudizio incombe sempre l’onere di provare la legittimità del provvedimento impugnato dall’automobilista. In questo caso la prefettura non ha invece depositato "alcun rilievo fotografico dal quale fosse possibile leggere chiaramente la targa dell’automezzo, risalire al modello eo ad altri elementi utili alla sua identificazione (come per esempio il colore del veicolo o altri segni distintivi) atti a essere considerati prove sufficienti della responsabilità" della conducente. Gli esperti ricordano che la possibilità di esaminare la foto-prova dell’infrazione rilevata tramite apparecchiature elettroniche di tipo automatico è un "diritto dell’automobilista". Si tratta di un’operazione fondamentale, per esempio, per verificare che non siano stati commessi errori da parte dell’ente accertatore nella ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?