Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
10 nov 2020

Autocertificazione zona arancione in Pdf: cosa cambia per gli spostamenti

Quando è necessario il modulo in Abruzzo, Basilicata, Liguria, Toscana e Umbria

10 nov 2020
Partenza viaggiatori e controlli con autocertificazione con l’entrata in vigore del nuovo DPCM, 06 Novembre 2020, ANSA/Marco Ottico
Viaggiatori in partenza esibiscono l'autocertificazione (Ansa)
Partenza viaggiatori e controlli con autocertificazione con l’entrata in vigore del nuovo DPCM, 06 Novembre 2020, ANSA/Marco Ottico
Viaggiatori in partenza esibiscono l'autocertificazione (Ansa)

Roma, 10 novembre 2020 - Altre cinque regioni (Abruzzo, Basilicata, Liguria, Toscana a Umbria) entrano in zona arancione da mercoledì 11 novembre. Cosa cambia per l'autocertificazione? Secondo quanto previsto dal Dpcm pubblicato in Gazzetta ufficiale lo scorso 4 novembre, il modulo resta necessario (come per la zona gialla e la zona rossa) per gli spostamenti durante le ore del coprifuoco, cioè dalle 22 alle 5 del mattino. Inoltre è necessaria compilarlo per qualsiasi spostamento fuori dal proprio comune e per recarsi in altra regione. Ovviamento gli spostamenti sono consentiti per "comprovata esigenza", vale a dire per motivi di lavoro, di salute e di urgenza. Qui le quattro regioni a rischio misure anticipate e che potrebbero cambiare di fascia. 

Zona arancione: regole per spostamenti e sport

Nel modulo di autocertificazione (lo stesso predisposto in occasione del Dpcm del 24 ottobre), che può essere compilato anche direttamente in presenza delle forze dell'ordine, vanno sempre indicate le proprie generalità, i dati anagrafici, la residenza e il domicilio, un numero identificativo di un documento di identità in corso di validità, e un numero di telefono. Va barrato con attenzione il motivo valido dello spostamento e specificare l'indirizzo di partenza e quello di destinazione. 

Approfondisci:

Coronavirus Italia, il bollettino di oggi. Cifre del contagio e tabella del 19 novembre

Chi esce di casa senza poter giustificare un esigenza o un motivo valido tra quelli elencati e permessi dal decreto legge può incorrere in una multa che va dai 400 ai 1000 euro. In caso di recidiva violazione l'importo potrà essere aumentato fino a un terzo. Tutte le multe previste per le violazioni al nuovo Dpcm, anche in sede di autocertificazione, diventano molto più severe se, durante il controllo, si viene trovati fuori casa a dispetto dell'obbligo di isolamento o di quarantena per positività al Covid. In questi casi si può arrivare anche alla denuncia per epidemia colposa.

Approfondisci:

Ordinanze diverse in Emilia Romagna, Veneto e Friuli. Zaia: "Domani firmo"

Il modulo di autocertificazione editabile: scarica qui il Pdf.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?