Coronavirus, dal 4 maggio anche i congiunti nel modulo di autocertificazione
Coronavirus, dal 4 maggio anche i congiunti nel modulo di autocertificazione

Roma, 29 aprile 2020 - Il 4 maggio si apre la tanto attesa Fase 2. La domanda che molti italiani si pongono è: ma come cambia l'autocertificazione? Il nuovo modulo sarà praticamente uguale all'ultimo ma in uno spazio il cittadino dovrà scrivere che è fuori per una visita al 'congiunto' o per fare rientro al proprio domicilio, abitazione o residenza, le nuove motivazioni inserite nel dpcm della Fase 2.

Bollettino della Protezione Civile del 1 maggio

Le regole per compilare la nuova autocerficazione

Riempire tutti gli spazi sull’identità della persona che effettua lo spostamento.
Compilare l’indirizzo da cui è cominciato lo spostamento e quello di destinazione
Riempire tutti gli spazi barrando la casella "situazione di necessità"
Specificare che si tratta di una visita a un "congiunto" inserendo soltanto il grado di parentela ma non l’identità. Questo perché, per ragioni di privacy, non sarà necessario indicare le generalità dei parenti che si vanno a trovare.


Ovviamente al Viminale si sta lavorando a una circolare da inviare ai prefetti per fornire le indicazioni che varranno fino al 18 maggio. E che dovranno essere coerenti con le 'faq' annunciate da Palazzo Chigi per questo weekend al fine di chiarire i punti più controversi del decreto del premier Giuseppe Conte

Ecco il Pdf: scarica e stampa (clicca qui) la versione del 26 marzo

FOCUS Il link per il download della app AutoCert19 per chi possiede un dispositivo mobile Apple: https://onelink.to/autocert19