27 feb 2022

Attentati al tribunale e alla radio, blitz contro gli anarchici di Trento: due arresti e un obbligo di dimora

I rilievi della scientifica dopo l’assalto al tribunale di sorveglianza di Trento
I rilievi della scientifica dopo l’assalto al tribunale di sorveglianza di Trento
I rilievi della scientifica dopo l’assalto al tribunale di sorveglianza di Trento

La Digos di Trento ha eseguito tre ordinanze nei confronti di altrettanti anarchici. Una misura cautelare riguarda Juan Antonio Sorroche, spagnolo di 45 anni, ritenuto responsabile dell’attentato del 2014 al tribunale di sorveglianza di Trento e già in carcere. è anche accusato di un analogo attentato all’esterno del K3, la sede della Lega a Villorba (Treviso) nell’agosto 2018. La seconda misura cautelare impone i domiciliari a un 50enne di Rovereto, noto esponente del mondo anarchico trentino, a cui viene contestata l’estorsione per il tentativo di incursione in diretta radiofonica nella sede di Radio80 a Rovereto il 15 aprile 2020. La terza misura, un obbligo di dimora, riguarda una donna che avrebbe favorito la latitanza di Sorroche.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?