Due dipinti di assoluto valore, attributi a Pablo Picasso e a Piet Mondrian, sono stati recuperati dalla polizia greca dopo che, nove anni fa, erano spariti dalla Pinacoteca nazionale di Atene. Gli agenti hanno anche arresttao un uomo di 49 anni, ritenuto responsabile di entrambi i furti, inizialmente attribuiti a due ladri diversi. Le opere d’arte, la ‘Testa di donna’ di Picasso e il dipinto di Mondrian dal titolo ‘Stammer Windmill’, erano state tolte dalle cornici, mentre una terza opera, un disegno a penna e inchiostro del pittore cinquecentesco Guglielmo Caccia, manca all’appello.

La polizia ha però riferito che l’uomo arrestato avrebbe confessato di avere gettato nel water l’opera perché molto danneggiata. La ‘Testa di donna’ era un dono dello stesso Picasso alla Pinacoteca in onore della resistenza greca alla Germania nazista. Secondo la polizia, il sospettato aveva nascosto i dipinti a casa sua per anni. Di recente, però, li aveva spostati, avvolti in teli di plastica, in un alveo prosciugato a Keratea, dove sono stati trovati in buone condizioni.