WASHINGTON Il dipartimento di Giustizia ha chiesto che il cosiddetto "Sciamano QAnon", che partecipò all’assalto al Congresso di Washington, lo scorso 6 gennaio, venga condannato a quattro anni di prigione, la detenzione più lunga chiesta finora. Jacob Chansley (nella foto), 34 anni, in carcere da...

WASHINGTON

Il dipartimento di Giustizia ha chiesto che il cosiddetto "Sciamano QAnon", che partecipò all’assalto al Congresso di Washington, lo scorso 6 gennaio, venga condannato a quattro anni di prigione, la detenzione più lunga chiesta finora. Jacob Chansley (nella foto), 34 anni, in carcere da 10 mesi, era diventato famoso per il costume utilizzato durante l’assalto. Il suo legale afferma che Chansley ha avuto sempre problemi mentali che sarebbero all’origine della sua partecipazione alla rivolta per la quale ha mostrato "sincero e profondo rimorso". Intanto è arrivata la prima condanna: Scott Fairlamb, proprietario di una palestra in New Jersey ed ex combattente di arti marziali miste, è stato condannato a 41 mesi di prigione per aver colpito un poliziotto nell’assalto.

Donald Trump, invece, all’epoca presidente uscente, non potrà più avvalersi del suo privilegio esecutivo per mantenere segreti i documenti della Casa Bianca relativi al presunto tentativo di ribaltare il risultato delle elezioni presidenziali del 2020. Lo ha stabilito un giudice federale respingendo il tentativo dell’ex presidente di bloccare l’accesso ai documenti da parte della Commissione del Congresso che indaga. Gli avvocati dell’ex presidente hanno annunciato il ricorso.

Infine la rivelazione del principe Harry che ha dichiarato di aver avvertito via e-mai il ceo di Twitter, Jack Dorsey, sul fatto che "la sua piattaforma stava consentendo di organizzare un colpo di stato" un giorno prima dell’assalto.

red. est.