10 mag 2022

Ndrangheta a Roma: 43 arresti. Due boss a capo della 'ndrina locale

L'inchiesta della Dia denominata 'Propaggine'. Le intercettazioni: "Siamo una propaggine di là sotto. Noi una carovana per fare la guerra". Nel filone reggino gli arresti sono 34. In manette i vertici della cosca Alvaro e il sindaco di Cosoleto

Il procuratore Michele Prestipino GiarrittaIl, il gen. Michele Carbone,durante la conferenza stampa nella caserma della guardia di finanza. Roma, 28 novembre 2019
ANSA/MASSIMO PERCOSSI
Il procuratore Michele Prestipino (Ansa)

Roma, 10 maggio 2022 - Una cellula locale della 'ndrangheta radicata
 a Roma. E' quella su cui ha indagato la Direzione Investigativa Antimafia di Roma nell'inchiesta, coordinata dai procuratori aggiunti Michele Prestipino e Ilaria Calò, denominata 'Propaggine'. Questa mattina è scattata una maxi operazione, con perquisizioni e sequestri, contro la 'ndrangheta nella capitale, nel Lazio e in Calabria. La Dia capitolina ha eseguito un'ordinanza cautelare del gip di Roma su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia romana nei confronti di 43 persone. A capo della struttura criminale romana sono stati riconosciuti Antonio Carzo e Vincenzo Alvaro, entrambi appartenenti a storiche famiglie di 'ndrangheta originarie proprio Casoleto. Disposto anche il sequestro di 24 società e di ristoranti, bar e pescherie nella zona nord di Roma e in particolare nel quartiere di Primavalle.

Nel filone reggino dell'inchiesta le persone raggiunte dall'ordinanza di custodia cautelare sono 34: 29 sono finite in carcere e 5 ai domiciliari. In manette sono finiti i presunti esponenti di vertice della cosca Alvaro di Sinopoli: Carmelo Alvaro, detto 'Bin Laden', Carmine Alvaro, detto 'u cuvertuni', ritenuto il capo locale di Sinopoli, e i capi locale di Cosoleto Francesco Alvaro detto 'ciccio testazza', Antonio Alvaro detto 'u massaru', Nicola Alvaro detto 'u beccausu' e Domenico Carzo detto 'scarpacotta'. Arrestato anche Antonino Giofrè, sindaco di Cosoleto, Comune del Reggino. Gioffré è accusato di scambio elettorale politico-mafioso.

Le intercettazioni

"Noi a Roma siamo una propaggine di là sotto". È quanto affermano in una intercettazione i soggetti indagati nell'inchiesta 'Propaggine'. "Siamo una carovana per fare la guerra" dice così nelle intercettazioni il boss Vincenzo Alvaro, ritenuto dagli inquirenti uno dei due capi della 'ndrina operante a Roma.

Le accuse

Alcuni sono accusati di far parte di una 'ndrina locale denominata cosca Alvaro-Penna, radicata nella capitale e finalizzata ad acquisire la gestione e il controllo di attività economiche in svariati settori, ittico, panificazione, pasticceria, del ritiro delle pelli e degli olii esausti. Gli altri reati contestati dai pm sono l'associazione mafiosa, il favoreggiamento commesso al fine di agevolare l'attività del sodalizio mafioso e la detenzione e vendita di armi comuni da sparo ed armi da guerra aggravate.

L'organizzazione, secondo quanto riferito dagli inquirenti, faceva sistematicamente ricorso ad intestazioni fittizie al fine di schermare la reale titolarità delle attività. Le indagini hanno fatto emergere inoltre che la stessa organizzazione si proponeva anche il fine di commettere delitti contro il patrimonio, contro la vita e l'incolumità individuale e in materia di armi, affermando il controllo egemonico delle attività economiche sul territorio, realizzato anche attraverso accordi con organizzazioni criminose omologhe.

La nascita della locale a Roma

Le risultanze investigative hanno evidenziato come fino al settembre del 2015 non esistesse una locale a Roma. Nell'estate del 2015 Carzo avrebbe ricevuto l'autorizzazione dai massimi vertici della 'ndrangheta calabrese per costituire un struttura locale che operava nel cuore di Roma secondo le tradizioni di 'ndrangheta: riti, linguaggi, tipologia di reati tipici della terra d'origine. Il gruppo agiva su tutto il territorio di Roma con una gestione degli investimenti nel settore della ristorazione (locali, bar, ristoranti e supermercati) e nell'attività di riciclaggio di ingenti somme di denaro. I due capi del locale romano Antonio Carzo e Vincenzo Alvaro limitavano al minimo gli incontri di persona con i vertici calabresi, facendoli coincidere con eventi particolari, quali matrimoni o funerali.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?