A handout photograph , made available on 26 September 2013 by Diario El Caribe shows Archbishop Josef Wesolowski as he participates in a mass in Saint Domain (Dominican Republic), on 17 April 2013. The attorney general of Poland announced on 25 September 2013, that his office will open a case against Wesolowski, accused of pedophilia in Dominican Republic, if evidence confirms a serious crime.  ANSA/Danny Polanco / HANDOUT EDITORIAL USE ONLY / NO SALES
A handout photograph , made available on 26 September 2013 by Diario El Caribe shows Archbishop Josef Wesolowski as he participates in a mass in Saint Domain (Dominican Republic), on 17 April 2013. The attorney general of Poland announced on 25 September 2013, that his office will open a case against Wesolowski, accused of pedophilia in Dominican Republic, if evidence confirms a serious crime. ANSA/Danny Polanco / HANDOUT EDITORIAL USE ONLY / NO SALES

CdV, 23 settembre 2014 - E' stato arrestato in Vaticano l'ex nunzio a Santo Domingo, Jozef Wesolowski, riconosciuto colpevole di abusi nei confronti di minori e condannato dalla Congregazione della Dottrina della Fede alla dimissione dallo stato clericale. 

L'arresto, reso noto dal Tg di La7, sarebbe stato realizzato evidentemente con il consenso di Papa Francesco. Wesolowski aveva fatto recentemente appello alla sentenza canonica di primo grado.

LOMBARDI: DOMICILIARI PER WESOLOWSKI - Mons.Jozef Wesolowski è agli arresti domiciliari in Vaticano. Lo ha detto padre Federico Lombardi, spiegando che la decisione è stata presa in relazione alle condizioni di salute dell'ex nunzio. A Mons. Wesolowski sono stati notificati i capi di imputazione del procedimento penale avviato a "suo carico per gravi fatti di abuso a danni di minori avvenuti nella Repubblica Dominicana". Ha spiegato padre Federico Lombardi.

"L'iniziativa assunta dagli organi giudiziari dello Stato è conseguente alla volontà espressa del Papa, affinché un caso così grave e delicato venga affrontato senza ritardi, con il giusto e necessario rigore, con assunzione piena di responsabilità da parte delle istituzioni che fanno capo alla Santa Sede". 

L'ex nunzio è stato posto agli arresti domiciliari nei locali del Collegio dei Penitenzieri, nel Palazzo del tribunale vaticano, all'interno delle mura leonine. 

SCHEDA: CHI E' JOzEF WESOLOWSKI  - L'arcivescovo polacco Jozef Wesolowski, ex ambasciatore del Vaticano nella Repubblica Dominicana, è stato posto agli arresti domiciliari a seguito delle accuse secondo le quali avrebbe abusato sessualmente di giovani nel Paese caraibico. Wesolowski era stato dimesso dallo stato clericale quest'anno dalla Congregazione per la Dottrina della fede. 

Nato in Polonia nel 1948, Wesolowski è entrato nel Corpo diplomatico della Santa Sede nel 1980. Nel 2008 è stato nominato nunzio nella Repubblica Dominicana, presentando poi le dimissioni dall'incarico nel 2013. 

Nel settembre 2013 è emersa la notizia del coinvolgimento di Wesolowski in un caso di abuso su minori. Il 27 giugno 2014 la Congregazione della Dottrina della Fede lo ha riconosciuto colpevole di abusi nei confronti di minori e quindi ha disposto il suo ritorno allo stato laicale, la pena più dura possibile nei confronti di chierico. 

"Il primo grado di giudizio del processo canonico a carico di Wesolowski - aveva riferito all'epoca una nota della Santa Sede - si è concluso in questi giorni presso la Congregazione per la Dottrina della Fede con una sentenza di condanna alla dimissione dallo stato clericale".