Il Covid ha provocato un’ondata pandemica di disagio psichico che si declina in depressione, ansia, autolesionismo, colpendo particolarmente donne e giovani e bambini. Le prime stime mondiali riportate su Lancet riferiscono di 53 milioni di casi in più di depressione maggiore (+28%) e 76 milioni di casi in più di disturbi d’ansia (+26%) nel 2020 direttamente collegati alla pandemia. È il triste bilancio che emerge alla vigilia della Giornata Mondiale per la Salute Mentale che si celebra domani.