Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
16 lug 2020

Addio Benetton, Autostrade torna pubblica Ma l’intesa ci costerà almeno dieci miliardi

Raggiunto l’accordo col governo: la famiglia veneta esce di scena ed evita la revoca della concessione. Il controllo passerà a Cdp. Ci vorranno tempo (tra i 6 e i 12 mesi) e risorse. Intanto l’annuncio ha fatto volare le azioni di Atlantia in Borsa (+26,6%).

16 lug 2020
antonio troise
Cronaca

di Antonio Troise La strada, è il caso di dire, è tracciata. "Si apre una nuova pagina per una privatizzazione che non è andata a buon fine. Avremo un regime concessorio più moderno, efficiente ed equo, a vantaggio degli utenti e degli investimenti", fa sapere il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri. Ma il futuro da public company della nuova Autostrade per l’Italia (Aspi) è tutto da scrivere. L’unico dato certo, al momento, è che i Benetton non avranno più il bastone del comando. Anzi, quando Aspi approderà in Borsa, usciranno definitivamente di scena, rinunciando a tutte le loro quote. In compenso, il pacchetto di maggioranza finirà nelle mani di Cassa Depositi e Prestiti (Cdp), segnando di fatto la rinazionalizzazione di Autostrade. Con quattro lettere distinte e un duro braccio di ferro con il governo, Atlantia, la società che controlla l’88% di Aspi, ha deciso di farsi da parte per evitare, in extremis, la revoca della concessione. Ora però si apre una fase che durerà fra i 6 e i 12 mesi, non priva di incognite. Anche se ieri, in Borsa, si è festeggiato il pericolo scampato di un default del gruppo. Il titolo ha chiuso con un guadagno del 26,65%, dopo avere scambiato quasi 18 milioni di azioni, pari al 2,2% circa del capitale, recuperando ampiamente gli 1,7 miliardi di euro persi lunedì scorso. Ma che cosa succederà, ora, in concreto? E quanto costerà, a Cdp (e, quindi, allo Stato) l’operazione di rinazionalizzazione della rete? Il primo passo per la creazione della nuova public company sarà un aumento di capitale fra i 3 e i 4 miliardi di euro riservato a Cdp, che diventerà il primo azionista di Aspi, con una quota compresa fra il 30 e il 33%. Ma non basta. Atlantia venderà circa il 25% delle azioni in suo possesso ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?