Carabinieri, foto generica (Newpress)
Carabinieri, foto generica (Newpress)

Salerno, 22 aprile 2019 - Ha notato la sua ex in auto con un altro uomo e non ci ha visto più: ha bloccato la vettura e si è introdotto nell'abitacolo brandendo un coltellaccio da macellaio (con lama di 35 centimetri) e iniziando a sferrarle fendenti all'altezza dell'aorta addominale. Una scena da thriller avvenuta in pieno giorno di Pasquetta: alle 18,30 per strada, in via Generale Clark, zona Est di Salerno.

L'aggressore, un  64enne di Pontecagnano Faiano (Salerno) è stato fortunatamente bloccato da un carabiniere libero dal servizio mentre continuava a colpire la ex compagna, una 38enne di origini rumene. La vittima di tanta furia è ricoverata in fin di vita all'ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d'Aragona di Salerno. Il corpo della donna sarebbe stato perforato da parte a parte.
I due hanno avuto una relazione extraconiugale durata cinque anni e finita da non molto, per volontà di lei. Il 64enne ha precedenti specifici per aggressioni e stalking nei confronti di altre donne ed è in stato di fermo.

Il militare dell'Arma, pur non essendo in servizio, ha subito intuito la gravità della situazione, si è fiondato nell'auto bloccando l'uomo e chiamando i rinforzi.  I medici stanno tentando di tutto pur di salvare la vita alla 38enne, nonostante le profonde ferite.