Uno stupratore seriale. È stato fermato nei pressi di Strasburgo, nell’est della Francia, Cosimo Chionna, un italiano sospettato di 160 stupri e abusi sessuali su minori in Germania. Il fermo è scattato a Rumersheim-Le-Haut, nei pressi del capoluogo alsaziano, nel quadro di un mandato d’arresto europeo lanciato dalla Germania dove l’uomo era da tempo ricercato. Il sospetto è che l’individuo di 52 anni abbia stuprato o abusato di sua figlia nonché delle figlie delle sue diverse compagne per 14 anni, tra il 2000 e il 2014. Secondo le forze dell’ordine transalpine che spalleggiano gli inquirenti tedeschi nel quadro del mandato d’arresto europeo, in Germania sono 122 le inchieste aperte contro di lui. Per le autorità francesi era fuggito dalla Germania per trovare rifugio nella vicina Alsazia. Il 7 ottobre scorso, la forze dell’ordine francesi vennero allertate dagli omologhi tedeschi della presenza di Chionna sul territorio di loro competenza. Tre giorni dopo, il 10 ottobre, sono poi arrivati ulteriori dettagli sul luogo esatto in cui trovava il ricercato. L’inchiesta è stata immediatamente affidata alla polizia giudiziaria di Strasburgo che ha organizzato il blitz. L’arresto è avvenuto il 16 ottobre, quando gli uomini della Brigade de Recherche et d’Intervention, la Brigata di Pronto Intervento di Strasburgo, lo hanno fermato presso il domicilio di una delle sue compagne.