Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Moda Salute Itinerari

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Il nuovo Noma di René Redzepi sarà ancora il migliore ristorante al mondo?

A giugno aprirà a Copenaghen il nuovo ristorante di uno degli chef più importanti del mondo, René Redzepi. Si chiamerà ancora Noma e sarà una fattoria sperimentale 

Ultimo aggiornamento il 17 gennaio 2017 alle 15:05
Lo chef René Redzepi – Foto: MATTEO ROSSETTI/Olycom
Febbraio sarà l'ultimo mese di vita per uno dei ristoranti più famosi e celebrati al mondo, il Noma di Copenaghen. A giugno aprirà infatti un nuovo Noma, che si propone di fare ancora una volta la storia della gastronomia affiancando alla cucina una fattoria votata alla biodiversità e alla sperimentazione.

Si tratta di una sfida immane, per lo chef René Redzepi. Del resto, lui si sente bene solo quando sta aprendo nuove prospettive intorno all'eccellenza culinaria. E in fondo, la storia gli dà ragione: nel 2004, anno di apertura del Noma, pochissimi avrebbero scommesso sul futuro splendore. Anzi, in città si alzarono parecchie sopracciglia, perché in quegli anni alta cucina faceva rima con cucina francese e c'era parecchio scetticismo intorno all'idea di utilizzare ingredienti nordici e di mettere sugli allori la cucina locale. Invece, presto arrivarono le tre stelle Michelin, il podio nella classifica dei migliori ristoranti del pianeta e una quantità imbarazzante di riconoscimenti.

Un curriculum di questo tipo quasi obbliga René Redzepi a superarsi: che senso avrebbe, altrimenti, aprire un nuovo ristorante? Lui infatti punta a fare meglio di quanto abbia mai fatto. Per quanto i dettagli del nuovo Noma siano ancora in gran parte misteriosi, l'idea guida è chiara e prevede un legame strettissimo con la natura, tanto che "ci saranno uccelli e animali selvatici", come dice Redzepi in un'intervista rilasciata al Guardian.

Il ristorante ruoterà intorno a una fattoria sperimentale che non si limiterà a produrre gli ingredienti poi utilizzati in cucina: porterà avanti un lavoro all'insegna della biodiversità. Un esempio: non verrà coltivato solo un tipo di prezzemolo, ma tutte le varietà di prezzemolo compatibili con il clima della regione. Si tratta, insomma, di recuperare e valorizzare la biodiversità, e in alcuni casi di reintrodurla. Impossibile sapere, per ora, come si mangerà al novo Noma, ma il progetto è accattivante e giustifica l'attenzione che sta ricevendo.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.