Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Salute

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Il vino si conserva meglio nelle bottiglie grandi: la scienza conferma

Una ricerca condotta presso l'Università di Pisa conferma che bottiglie Magnum, Jéroboam e Mathusalem limitano i rischi di ossidazione del vino 

Ultimo aggiornamento il 7 febbraio 2017 alle 14:46
Foto: Hugh Threlfall / Alamy
Le classiche bottiglie di vetro da 0,75 litri continuano a essere le più diffuse, nel mercato del vino, ma quelle di formato più grande sono in realtà le migliori barriere contro il rischio di ossidazione e dunque si prestano meglio a lunghi invecchiamenti. Si tratta di un assunto già noto, ma che recentemente è stato confermato da una ricerca condotta da Gianpaolo Andrich del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Agro-ambientali dell'Università di Pisa e illustrata a Roma in occasione di un convegno di Assovetro.

La questione di fondo è che le bottiglie grandi offrono un rapporto migliore fra il volume del liquido contenuto e la superficie esposta all'azione dell'ossigeno che attraversa il tappo. Dunque, meglio sarebbe privilegiare il formato Magnum, che ha una capacità doppia rispetto alla consueta Bordolese da 0,75 litri, o addirittura i formati Jéroboam (che contiene 3 litri) e Mathusalem (6 litri).

Va da sé che i formati grandi sono spesso utilizzati per i vini più prestigiosi e di conseguenza il prezzo ne scoraggia l'ampia diffusione presso il pubblico. In ogni caso, le osservazioni del professor Gianpaolo Andrich valgono soprattutto per le bottiglie che devono invecchiare a lungo, cioè quelle che già appartengono al mondo dei vini di prestigio. Insomma, per i consumatori "normali" non ci sono grosse controindicazioni, rispetto alle Bordolesi, anche se l'ossidazione resta un fenomeno cui prestare attenzione.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.