Dal 2010 Weinwirtschaft, storica testata enologica tedesca, stila una classifica relativa alle migliori cooperative vitivinicole d'Italia. Quest'anno la migliore è risultata la veronese Cantina Valpollicella Negrar, che in questo modo corona una rapida ascesa a livelli d'eccellenza: nel 2011 era infatti quinta.

COME SI STABILISCE LA CLASSIFICA
La votazione avviene in seguito a un test comparativo su un panel di sei vini per cantina e con l'esclusione di quelle altoatesine, che vengono giudicate a parte. Nel caso di Negrar, i vini presi in considerazione erano l'Amarone della Valpolicella DOCG Classico Vigneti di Jago Domìni Veneti 2010 (categoria vini linea top) e l'Amarone della Valpolicella DOCG Classico Domìni Veneti 2012 (vini best seller). Nella categoria "vini linea top", c'era anche il Recioto della Valpolicella DOCG Classico Vigneti di Moron Domìni Veneti 2012, mentre nella categoria "vini più venduti" c'erano il Valpolicella Ripasso DOC Classico Superiore La Casetta Domìni Veneti 2013 e il Valpolicella DOC Classico Cantina di Negrar 2015. Infine, per la categoria "specialità regionale", il vino giudicato è stato il Valpolicella Ripasso DOC Classico Superiore Le Roselle 2014 Cantina di Negrar.

LA DICHIARAZIONE DEL PRESIDENTE
Il presidente di Cantina Valpollicella Negrar, Renzo Bighignoli, ha commentato il risultato con entusiasmo: «Siamo molto orgogliosi del riconoscimento, che premia un lavoro di squadra costruito su forti basi produttive di qualità e condotto ogni giorno in vigna ed in cantina dai nostri 230 soci, insieme a un team di professionisti che ne valorizza le potenzialità. Tutto ciò nella consapevolezza di portare avanti un modello cooperativistico imprenditoriale e innovativo fin dalla nascita, avvenuta 83 anni fa il 23 agosto, quando sei imprenditori della Valpolicella scesero in campo per difendere il territorio da investimenti speculativi, pensando fin da subito di arrivare direttamente al consumatore con il prodotto imbottigliato, cinquant'anni prima di quanto fecero le altre cantine sociali d'Italia. Negli anni '30 del secolo scorso, poi, coniammo il nome Amarone, e fummo gli unici, per trent'anni, a venderlo con il nome Amarone Extra della Valpolicella».

LA DICHIARAZIONE DEL DIRETTORE COMMERCIALE
Ecco le parole di Luca Bissoli, direttore commerciale della Cantina e incaricato di ricevere il premio dalle mani del direttore di Weinwirtschaft: «Il messaggio che porto in Germania è la nostra volontà di continuare a offrire ai consumatori vini di alta qualità prodotti guardando alla sostenibilità ambientale e al legame con un territorio in cui si riconoscono generazioni di viticoltori, uomini della Valpolicella che hanno fatto e fanno la differenza».

IL SITO UFFICIALE DI CANTINA VALPOLLICELLA NEGRAR
http://www.cantinanegrar.it/