Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Salute Itinerari

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Un balletto sul precipizio

di GIORGIO LA MALFA
Ultimo aggiornamento il 29 agosto 2018 alle 08:23

INVITIAMO il presidente del Consiglio a non sottovalutare i rischi che vengono dal ripetersi di dichiarazioni di esponenti del Governo circa il rispetto degli impegni europei in materia di bilancio. Una cosa è presentarsi a Bruxelles con un programma ben formulato, corredato di numeri e di cose concrete, che preveda un temporaneo e limitato superamento dei livelli di deficit pubblico a suo tempo concordati fra l’Italia e la Commissione europea. Ben diverso è sentire un giorno uno dei vicepresidenti del Consiglio dichiarare che non vi sarà limite al deficit per fare gli investimenti in opere pubbliche e il giorno dopo sentire l’altro vicepresidente del Consiglio dichiarare che lo sfondamento vi sarà, ma per introdurre il reddito di cittadinanza. Dichiarano di volere un’Italia che va a testa alta a Bruxelles; rischiano di mandare l’Italia a testa bassa nella crisi finanziaria. Scoppiata la quale non vi sarà spazio né per le opere pubbliche né per il reddito di cittadinanza, ma solo per un governo acciaccato e ammutolito.

A mettere fine a questa impressionante leggerezza non bastano più le parole del ministro dell’Economia che al contrario dei suoi colleghi ripete che l’Italia manterrà i suoi impegni. Troppo forte è il divario di peso politico con i due vicepresidenti del Consiglio. Qualche settimana fa avevamo suggerito al presidente del Consiglio di rivendicare a sé la responsabilità dei documenti di bilancio da presentare in Europa e di anticipare le cifre complessive della spesa manovra lasciando ai ministeri la definizione dei dettagli. Il presidente Conte non ha ritenuto ancora di farlo, a meno che non abbia già dovuto constatare di non averne la forza. Dovrebbe comunque pretendere – e ottenere – il silenzio dei due partiti di governo fino alla presentazione dei documenti di bilancio. È già tardi e molti buoi sono fuggiti (si pensi allo spread) o stanno preparandosi a fuggire. Se Conte parla può ancora tenere le cose sotto controllo; se tace tutto può precipitare.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.