Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Salute

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Dilagano le violenze sessuali eclatanti (che si cumulano a quelle domestiche). Quali rimedi? Pene adeguate sono condizioni necessarie, ma non sufficienti. Il problema è altresì culturale. Culturale, non etnico: aspetti spesso confondibili solo per talune coincidenze tra provenienza geografica e dominanza di culture meno stigmatizzanti la discriminazione e predazione della donna. Le pur alte pene previste non assicurano deterrenza e dissuasione. Vanno inasprite, soprattutto graduandole. C’è troppa poca differenza fra approccio pesante sgradito, violenza “completa” e stupro atroce. Le aggravanti edittali non bastano. Le gravi lesioni alle vittime (e quelle psicologiche lo sono quasi sempre) non dovrebbero subire diminuzioni da cumulo. E vanno corrette le generali norme su sconti di pena, concorso di reati e procedure premianti.

La carcerazione preventiva dovrebbe essere meno aleatoria e breve, per l’elevato rischio di reiterazione. Soprattutto per chi ha molti alias e nessuna fissa dimora. E qui veniamo al politicamente scorretto. Perché la incidenza di “migranti” responsabili di stupri è considerevole. Quando il problema è culturale (non razziale), e aggravato dalla durezza d’animo generata dalla terribile odissea vissuta, sbarcare in uno Stato di diritto, dove (per fortuna) la polizia «non mena» e i giudici sono (giustamente) garantisti, fa scemare la deterrenza.

Il rimedio non è imbarbarirci, ma far prevedere come certe e non eludibili le reazioni dell’ordinamento. Se si sa che la pena la si sconta davvero tutta, e che la carcerazione preventiva è ineludibile, la deterrenza cresce.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.