Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Salute

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Smartphone

Lo zombie traballa sul marciapiede a testa china. Ha un’andatura astratta e disorganizzata, la smorfia dei predatori insoddisfatti. Cerca un segnale, un contatto, un vecchio post. Qualcosa di succulento nascosto nel rettangolo illuminato, il suo bastone da rabdomante. Lì dentro è tutto incombente e prioritario, il fuori non esiste. Nemmeno il palo della luce che va a prendere in pieno, dannato e imperfetto mondo. Non è un ragazzino. È un anziano contagiato in età adulta, la peggiore per diventare non morti. Colpa dei figli e dei nipoti che li azzannano con la scusa delle promozioni.

È facile da usare, ti cambia la vita. E un altro si aggiunge alle legioni di anime sospese che escono dai portoni come dal limbo tra il wifi di casa e le incognite della connessione. Sarà il primo pensiero del mattino e la preghiera della sera. Rari i casi di disintossicazione volontaria, dove non si può dire di avercela fatta tenendolo spento in tasca. Occorre strapparselo di dosso
e lasciarlo in un cassetto per almeno 12 ore, il tempo stabilito per il digital detox delle miss.

O partire per la Malesia senza scheda e comprarne una sul posto. È necessario un ordine di depurazione dall’alto come nelle scuole di Francia, una provocazione snob come quella di certi hotel che elencano fra gli optional di lusso l’assenza di segnale. O l’effetto sorpresa delle valli schermate dal granito dove il gps si blocca quando è troppo tardi per tornare indietro, le mute voragini marine dove l’unico richiamo è quello delle sirene.

Davanti alla sciarra di fuoco di Stromboli la ciurma ha minacciato l’ammutinamento per l’impossibilità di postare foto dei lapilli. Eolo ha scatenato tempeste su Panarea e una crisi di astinenza collettiva da Internet ha scosso l’isola dove sono bandite le auto e le sigarette fanno sfigato. Siamo andati oltre, da soli non ce la possiamo fare. Nasceranno presto i primi centri di Connessi Anonimi dove rendersi definitivamente ridicoli: «Mi chiamo Viviana e non tocco un cellulare da tre ore».

Corona lancia il figlio su Instagram. L'ira di Nina Moric

Miss Italia 2018, niente smartphone per 12 ore. "Reginette simbolo anti-dipendenza"

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.