In base alle nascite, tra un secolo o poco più, noi italiani dovremmo essere estinti. Così come i tedeschi. L’unico motivo per cui non avverrà, è che futurologi e sociologi non ne hanno mai azzeccata una. Poco per essere ottimisti. Non mettiamo al mondo figli perché siamo egoisti? Per le giovani coppie avere un bambino è un grande sacrificio, non solo economico. Per molti, due figli possono essere la rovina.

Mio nonno ebbe sette figli, tre morti per malattie infantili. Mio padre e i suoi fratelli, tre a testa. Io con fratelli e cugini, non più di due. E oggi ho una sola nipote. In Germania dove vivo non va meglio: il tasso di natalità è di 1,49 figli per ogni donna. Poco più di noi, 1,43. Per assicurare il pareggio tra morti e neonati bisognerebbe arrivare a 2,1. In Europa ci riesce quasi solo la Francia, ma una neomamma riceve fino a 1.700 euro al mese d’aiuto, e un giorno alla settimana le mandano una babysitter a casa perché se ne vada a spasso, o al cinema: se una giovane donna non ha almeno qualche ora di libertà rischia la depressione.

Da noi ogni proposta per favorire la natalità viene considerata fascista: Mussolini chiedeva nuovi soldati per il suo impero, e premiava le famiglie numerose. Una sciocchezza. A Berlino nessuno ci pensa, ma non si fa abbastanza. Gli assegni di famiglia sono generosi (fino a 180 euro a figlio), le famiglie pagano meno tasse degli scapoli, come ai tempi di Benito, ma mancano i posti negli asili, le giovani non riescono a dividersi tra casa e ufficio. Devono rinunciare alla carriera, e molte non vogliono. Non sono egoiste, ma umanamente ambiziose. In Danimarca l’anno scorso sono nati 61.235 bambini, il dieci per cento in più rispetto al 2013. Incredibile, ma sembra che sia dovuto alla campagna delle agenzie turistiche: andate in vacanza e fate l’amore. Do it for Denmark, esortava lo slogan. "Fatelo per la mamma, e per la patria". Ha funzionato. Chissà perché nessuno ha pensato al Duce o al Führer. Ma ai giovani danesi almeno i soldi per le ferie non mancano. Tornati dal sole del Sud, hanno continuato a essere patriottici anche nel letto di casa.