Roma-Juventus, Ronaldo e Florenzi (Lapresse)
Roma-Juventus, Ronaldo e Florenzi (Lapresse)

Roma, 13 maggio 2019 - Diciamoci la verità, ci siamo sentiti tutti un po’ Alessandro Florenzi quando domenica sera il terzino della Roma è stato prima sbeffeggiato pubblicamente dal dio Cristiano Ronaldo che platealmente lo ha preso in giro per la bassa statura, ma poi grazie a quel guizzo che l’essere brevilineo gli concede pochi minuti dopo il diverbio è andato a segnare contro la Juventus sotto la curva sud romanista. Mentre il campione dei campioni è rimasto a secco e ha perso la partita. Una beffa del destino, visto che Ronaldo fa goal in quasi tutte le partite mentre Florenzi non segnava all’Olimpico da agosto scorso e che, al di là delle squadre e dei protagonisti coinvolti, promette un giorno gloria a tutti noi normali quando ci sentiamo circondati da gente più brava di noi, al lavoro, tra gli amici, al bar, e veniamo sbeffeggiati dalla sorte. E racconta anche l’arroganza di chi è più forte, certamente, ma che non resiste alla tentazione del dileggio gratuito e a volte imprevidente.

La scenetta di Ronaldo vs Florenzi, con poi Florenzi che esce a braccia alzate dallo stadio e osserva quello più capace, ricco e famoso di lui abbandonare il campo con le orecchie basse è il riscatto della gente normale che ogni tanto il destino premia anche oltre le proprie aspettative. Troppo poco, purtroppo, e purtroppo solo nei giochi.