• Grazie a quanti si sono ricordati dei miei 61 anni.

In realtà sono 59, due revocati sul campo causa mancanza di festeggiamenti da pandemia.

In attesa del debutto di F1 in Bahrain, mi concedo una divagazione a due ruote, grazie agli interventi del mio conterraneo Roli.

Lo faccio volentieri, anche perché, a proposito di dispersione di capitale umano a Maranello, in Aprilia lavora gente, come Rivola e l’ingegner De Luca, che in Ferrari sarebbe servita.

ROLI SCRIPSIT
MotoGp 2021, Italia contro resto del Mondo? Non lo escludo, invocando la mia felice ossessione per le due ruote.
La Ducati vanta una predilezione per i Piloti Australiani vedi Stoner e Bayliss, non da meno si è dimostrato Jack Miller che appena arrivato nel team ufficiale non ha perso tempo in chiacchiere e da subito ha sfruttato al meglio le caratteristiche della Desmosedici 2021 spiccando il miglior tempo in Qatar.
Pecco Bagnaia non ha fatto alcun giro in time-attack preferendo settare al meglio la Moto in versione passo gara dove si è dimostrato uno dei migliori.
Ducati schiera anche il team Avintia con i due Rookies terribili made in Romagna ovvero Enea Bastianini, fresco Campione del Mondo di Moto 2 e Luca Marini fratello sotto tutela VR 46 di sua Maestà Valentino Rossi, entrambi si sono comportati benissimo in pista seppure non fossero mai saliti prima su una MotoGp, il raddoppio dei Cavalli sotto il sedere evidentemente non è così traumatico.
Anche Pramac continua la sua avventura nel Motomondiale con due Moto Ducati affidate a Joann Zarco e Jorge Martin.

Il “motorone” in Qatar conta e l’avvio del mondiale in gara doppia potrebbe avvantaggiare non poco le Rosse di Borgo Panigale.
Aleix Espargaro su Aprilia è stato il pilota che ha incuriosito di più gli addetti ai lavori non tanto per il suo sesto tempo finale ma soprattutto per la costanza di rendimento espressa sul mezzo di Noale gestito dall’Ex Ferrari Massimo Rivola e da Romano Albesiano.

Per stessa ammissione del Team la Rs targata Venezia ha sempre girato con limitazione dei giri motore imposta da un particolare motoristico della testata da verificare e che ha dato qualche problema a banco, questo rende ancora più eclatante la prestazione finale.

A Lorenzo Savadori, Campione Italiano Superbike 2020 ancora menomato per i postumi di un infortunio alla spalla, viene affidato il compito di macinare chilometri, testare le ulteriori modifiche al motore ed ulteriori prove in pista concesse ad Aprilia da Dorna…. ma non finisce qui perché dal 12 al 14 aprile prossimi vedremo anche Andrea Dovizioso in sella alla Aprilia RS-GP a Jerez de la Frontera, per ora la collaborazione si ferma qui ma …un Pilota se si diverte e trova una Moto che va bene mica si tira indietro così…ed Aprilia dall’alto dei suoi 56 Titoli Mondiali vinti sa bene quanto conti avere un Top Rider al manubrio.
(Continua, purtroppo per voi)