Al volo.
Que viva Mexico.
Una volta, dopo Malesia 2012, al Montana chiesi a Perez, allora in Sauber, se per caso non fosse matto.
Mi rispose: no, sono Perez.
Appunto.
Clamoroso l’errore di Hamilton.
Peccato di ingordigia.
Errore di presunzione.
Dimostrazione di umana debolezza.
Anche Achille aveva il tallone matto.
Autogol pazzesco, di sicuro. Con Verstappen messo kappao dal destino!
Domanda.
Dopo 15 anni di carriera, quindi non da giovani, Schumi o Senna avrebbero fatto una simile cappella?!?
Il resto.
Vettel superbo, sul podio alla sesta gara con Aston Martin.
Molto bravo Gasly.
Sulla Ferrari.
Un giro è un giro. Una gara è una gara.
Ci sono evidenti segnali di progresso in qualifica, vedi due pole.
In corsa, meno. Ma si sapeva.
Leclerc ha sfiorato il podio e non ci è riuscito, purtroppo, nel giorno in cui Hamilton e Verstappen non arrivano e Bottas se c’era io non l’ho visto.
Alonso e Raikkonen a punti.
La rivincita dei Nonni.