custom logo
La Ferrari tra Hero e Zero…Leo Turrini - 24 marzo 2022
Stamattina mi whatsappavo (ormai credo orribilmente si scriva così…) con una figura top del reparto corse Ferrari. Sta giù in Arabia. Mi ha colpito una sua frase. “Guarda che con quello che abbiamo passato siamo noi i primi, in squadra, a renderci conto che gli anglosassoni hanno ragione. Tra Hero e Zero ci sta soltanto […]

Stamattina mi whatsappavo (ormai credo orribilmente si scriva così…) con una figura top del reparto corse Ferrari.
Sta giù in Arabia.
Mi ha colpito una sua frase.
“Guarda che con quello che abbiamo passato siamo noi i primi, in squadra, a renderci conto che gli anglosassoni hanno ragione. Tra Hero e Zero ci sta soltanto una consonante di differenza…”
Hero. E Zero.
Tutto. E niente.
È legittima l’euforia scatenata dalla doppietta di Sakhir. Io ci speravo ma non ci credevo, l’ho già raccontato.
Visto l’entusiasmo popolare generato dall’uno/due di Carletto e Carlitos, beh, ovviamente l’attesa era spasmodica.
Adesso siamo alla prova del nove.
Almeno per la primissima fase del campionato.
Il circuito saudita non c’entra niente con il Bahrain.
È un cittadino da 250 di media oraria sul giro.
Hero e Zero.
Se la Rossa sta davanti anche a Gedda, sarà inevitabile ampliare le onde del Sogno.
In Ferrari pensano che Red Bull possa risolvere al volo le noie di Sakhir e sono curiosi di verificare se e come Mercedes sarà in grado di invertire la rotta.
Può darsi che le libere del venerdì ci aiutino a comprendere meglio i valori in scena.
Tra Hero e Zero…