Giusto per celebrare il quindicesimo compleanno del Clog, che cade in questi giorni!
A suo tempo autorevole opinionista dell’ameno luogo che state frequentando, l’ingegnere Luca Furbatto si appresta a lasciare la Alfa Romeo Sauber per passare alla Aston Martin della famiglia Stroll e di Seb Vettel.
Sono molto contento per lui.
Anzi tutto, essendo amico mio, è una bella persona.
Luca attraverso gli anni ha portato le sue competenze in McLaren, in galassia Red Bull, in Marussia, eccetera.
Alla competenza, che è fuori discussione, somma una passione che me lo rende caro.
Mai le sue riflessioni sulle dinamiche tecniche della F1 si sono rivelate banali.
E anche quello che delle sue convinzioni ho taciuto, onorando il vincolo della riservatezza, si è dimostrato giusto.
Penso che il suo sbarco in Aston Martin venga a confermare le ambizioni di papà Stroll.
Al tempo, Furbatto out alimenta più di una perplessità sul futuro via Stellantis, cioè via Parigi, del brand Alfa sulla griglia di partenza dei Gran Premi.
In allegato, se riesco a trascriverlo!, l’indicazione indirizzo del mio fortunato podcast Profondo Rosso. La settima puntata è dedicata ovviamente al Castellet, con la partecipazione straordinaria di Giovannino Alesi, che qui ringrazio.