custom logo
Fia-Ferrari, il mio regno per un cavilloLeo Turrini - 6 maggio 2022
Mettiamola giù così. Uno potrebbe anche pensare che forse la Ferrari fa davvero paura alla concorrenza. Visto che pare siano stati almeno due team rivali (io una idea ce la avrei anche sulla identità, eh) a sollecitare un controllo Fia sul fondo montato sulle Rosse in occasione dei test Pirelli post Imola. Una alambiccata regola […]

Mettiamola giù così.
Uno potrebbe anche pensare che forse la Ferrari fa davvero paura alla concorrenza.
Visto che pare siano stati almeno due team rivali (io una idea ce la avrei anche sulla identità, eh) a sollecitare un controllo Fia sul fondo montato sulle Rosse in occasione dei test Pirelli post Imola.
Una alambiccata regola impone che per simili collaudi vengano utilizzati solo “componenti” già installati sulla vettura in precedenti Gp o test ufficiali. I sospettanti asseriscono che sulla macchina di Sainz sarebbe apparso qualcosa di “nuovo”.
Boh.
La Ferrari ha informalmente fatto sapere di non avere violato alcuna norma.
Nemmeno è chiara quale sarebbe l’eventuale sanzione.
Non che ci sia da meravigliarsi. Da sempre la Formula Uno si riconosce nel pittoresco slogan: il mio regno per un cavillo.
Cavillo, mica cavallo.
In attesa delle indicazioni che saranno fornite dalle prove libere di Miami, conviene prepararsi.
Questo non è l’inizio della fine.
Ma solo la fine del principio.