1. Date una leva (a Seb) e lui vi solleverà il mondo.
    In Ferrari non hanno alcuna preoccupazione sulla annunciata verifica Fia sul soffiaggio dei gas di scarico (mi mancavano, gli scarichi. Welcome back).
    A Maranello ragionano così: se qualcuno pensa che stiamo andando forte per quel motivo lì, stanno freschi, cioè stiamo freschissimi noi. E quanto a Kimi, lui la mitica leva magica non ce l’ha perché per aprire il frigo bar all’interno dell’abitacolo usa un altro sistema.
    Se in Ferrari mentono, chapeau: bugiardi perfetti sarebbero. Ma non credo sia il caso.
    Ciò premesso, da sempre in Formula Uno le voci, le ipotesi, le speculazioni e financo (che bello: ho aspettato quasi sessant’anni ma finalmente ci sono riuscito. A usare il termine financo) le strumentalizzazioni fanno parte del gioco. Bisogna poi saper distinguere il vero dal falso e non sempre il verosimile ci azzecca.
    Aggiungo che invecchiando sono financo (grande!) diventato vagamente paranoico, ergo ho la sensazione, talvolta, che nei rari casi in cui la Ferrari va forte, beh, ecco, ho la sensazione che la tendenza al gossip tecnologico si rafforzi.
    Ma ho torto di sicuro e poi debbo confessarlo: a me Nikolas Tombazis nei panni del grande investigatore federale fa venire in mente l’ispettore Clouseau.
    La vendetta della Pantera Ros(s)a.