Con Valentino a colazione.

In questa sede parlo raramente di MotoGp.

Non sono un esperto del ramo. Ero amico di Walter Villa, conosco bene Graziano Rossi, mi sono divertito una volta in conferenza con Loris Reggiani.

E considero il dottor Costa uno zio. Anzi, se vi capita, dalla prossima settimana a Imola sarà aperta una mostra all’autodromo, dedicata alla leggenda della 200 Miglia al Santerno.

Stavolta cedo spazio a chi volesse vivere la domenica australiana del Signor Rossi per una ragione vagamente romantica.

So ben poco di Yamaha-Ducati-Honda.

Non mi permetto di giudicare Lorenzo o Marquez o Pedrosa.

Però, quello che sta tentando di fare Valentino, alla sua età!, è qualcosa che vale come testimonianza per chi, nella vita, ha un’età diversa dalla sua.

Su, che non è mai finita.

It’s not over until is over (Yogi Berra)