Altre risposte, partendo da una domanda attualissima di un caro amico.
@roli. È vero, tempo fa mi è capitato di azzardare un parallelo tra Mir su due ruote e Alonso su 4. Ovviamente nulla sapevo della operazione Brivio in Renault da Suzuki. Mi fa piacere per il professionista, non lo conosco ma me ne hanno sempre parlato bene. Interessante è l’impegno che il Gran capo De Meo sta dedicando al futuro Alpine in F1: è questo che intendo quando auspico per la Ferrari un ad che ami anche le corse e non solo prodotto e Borsa! Poi è interessante il paragone, alla rovescia!, con la figura di Massimo Rivola. Era il diesse della Ferrari, era bravo, ha scelto di andarsene su due ruote, in Aprilia. Chissà perché.
@pino pilotino. La Ferrari non ha bisogno di una Accademia per giovani ingegneri. Dalle nostre università escono giovani preparatissimi, non pochi dei quali lavorano a Maranello. Tutto dipende sempre da organizzazione, metodo, cultura del progetto.
@kingross46. Binotto per primo ha detto, con onestà, che il suo futuro dipende dai risultati. Io aggiungo che c’è modo e modo. Di perdere.
@davidecolombo. Mi chiedo spesso che futuro possa esserci per le corse in un mondo green. Sinceramente, non ho una risposta. Sull’ipotesi di un impegno Ferrari a Le Mans o altrove io sono favorevole.
@odesseus. La Rossa 2021 non può fare peggio della Rossa 2020. Sarebbe accanimento terapeutico, con noi tifosi nei panni delle cavie.
@rossoventisette. La tua domanda è intrigante come un “what if” della Marvel. È impossibile sapere come Jean Todt, in veste di team principal, avrebbe reagito alle accuse al motorone 2019. Magari non avrebbe prestato il fianco a contestazioni tanto sgradevoli.
@nicilupo. Guarda, io seguo la F1 perché è un pezzo della mia vita. Non tutto quello che vedo mi piace, ma in fondo ho un debito di gratitudine con questo mondo.
@lorenzo. Elkann non ama le corse ed è un suo diritto. Potrebbe comunque essere un buon presidente se scegliesse collaboratori in grado di colmare la sua carenza di passione. Su Bin8 mi ripeto: la situazione attuale è figlia di dieci anni di errori. C’entra anche lui, ma farne il capro espiatorio è ingiusto.
@xy. La proprietà Ferrari mica è contenta dei risultati in pista. Altra cosa è capire se la proprietà abbia le idee chiare su ciò che serve per vincere.
@pierogiapiero. Beh, non posso sapere come Marchionne avrebbe governato il motorone-gate. È inutile chiederci che reazione avrebbe avuto Pinco piuttosto che Pallino!
@timetravel. Se Jean Todt tornasse alla Ferrari alla scadenza del suo mandato in Fia mi stupirei molto, anche se nella mai dire mai. Semplicemente, il Pinguino a Maranello c’è stato per 15 anni, ha vinto e rivinto tutto, è diventato ricchissimo e ha acquisito lo status di prestigiosa figura istituzionale. Entrò in Ferrari che vestiva come un coatto e ne è uscito col cachemire. Inoltre ha un’età. Domando io: ma perché dovrebbe tornare in Italia?
@tifone Rosso. Sulla Concordia secondo me si fa confusione. La Ferrari ha il dovere di tutelare i suoi interessi economici. Lo faceva anche il Vecchio e nessuno mai lo accusò di perdere volentieri perché intanto incassava. Prima ci liberiamo di questi sospetti e meglio è.
@rosso27. A me basta un ad che consideri la vittoria nelle corse una priorità Ferrari. Mica chiedo la luna.
@urukay. Caro amico, è la Rossa a farci invecchiare male ma la fede antica ci aiuterà a sopravvivere.
@faustobartoli. Alla Ferrari non sono mai mancati i soldi. C’è stato un sperpero di capitale umano negli ultimi dieci anni. Ora ricostruire è molto, molto difficile.
@simone88. Mi dispiace per la card, io sono digitalmente un disastro, piuttosto speriamo di poterci incontrare presto. Di Mazepin e delle sue scempiaggini sono poco, comunque in generale io disprezzo i bulli di ogni tipo.
@jarro. Domenicali ha alcune buone idee per aumentare l’appeal della F1 ma deve fare i conti con realtà molto variegate. Vedremo.
@pedrosimone. Tavares avrà in mano Stellantis, nata dalla fusione Fca-Peugeot. Ma a questa operazione la Ferrari è totalmente estranea.
@dex. Non sono un profeta. Immagino una Ferrari più competitiva nel 2021. Sainz a me piace, farà bene. Sul 2022 mi taccio, anche per scaramanzia. E no, Vettel non tornerà in Ferrari nel dopo carriera.