VEDI I VIDEO Maria Cassi in “Buio sangue” (con i versi di “Sia detto” letti dal poeta, da 6:25) , Luzi sul Novecento, le parole e la storia

Firenze, 27 maggio 2014 – Nel ricordo del 21° anniversario della Strage di Via dei Georgofili a Firenze.

Da sempre la poesia di Mario Luzi ha saputo coniugare terrestre e celeste, visibile ed invisibile: versi, i suoi, che riproducono in fogge mirabili – trascoloranti dallo sconcerto e lo sgomento alla letizia, dalle interrogazioni più drammaticamente dubitanti alla certezza – una dizione incircoscritta del mondo, dell’esistente.

La poesia «nell’opera del mondo»: nella natura come nel farsi storico degli eventi. Un’unica appartenenza intima e umanamente incaricata che dà voce, nel mistero, alla volontà dell’universo a vivere e rivivere attraverso la «trasformazione», il «mutamento», e insieme all’inverarsi di un senso, a quell’adempiersi insindacabile e segreto che costituisce la sua legge profonda.

Memoria e storia vengono così ad assumere in Luzi significati di assoluto rilievo, mentre il tema civile del superamento dell’insensatezza di un «buio sangue» della violenza e della distruzione sfocia e si propaga nel più diffuso afflato verso l’universa compiutezza del cosmo.

In entrambi i casi, partecipando e ricordando, la sua poesia «tende a»: canta costantemente, pur nella rigorosa spietatezza degli accertamenti e delle condanne, su accorate tonalità di esortazione invocante, spesso di fermo ammonimento e di richiamo, ma anche su registri di nitida contemplazione, di intatta e superiore fiducia in quel «magma» che sovrintende alle vicende dell’uomo e del mondo.

Ha scritto il poeta: «Dramma e enigma: provo a isolare queste due parole. Non so se possono davvero riassumermi ma certo vi riconosco molto di me. Il sentimento creaturale con la sua suscettibilità di fronte alle pene e alle offese non è meno forte del giudizio e del senso storico dell’ingiustizia».

Una dizione sconfinata e appassionata, che di necessità porta con sé il tema civile. Ed è questa la cifra che vogliamo qui sottolineare, invitando a riconoscere in un’opera straordinaria come quella di Luzi tanti tragici eventi novecenteschi e di nuovo millennio: dalla Seconda guerra mondiale e i suoi orrori alla Guerra del Golfo poi ferocemente riaccesasi, da Praga al Vietnam, dall’assassinio Moro alle stragi – come quella fiorentina di Via dei Georgofili di cui ricorre il 21° anniversario –  che hanno funestato la recente storia italiana, alle oltranze cruente e quasi inimmaginabili del terrorismo su scala mondiale.

Accadimenti con cui l’arte si incontra e si scontra, fornendo – proprio in questo suo umano non potersi sottrarre a necessità e insieme a un dono ricevuto prezioso come la parola – un’indicazione di valore etico ed educativo: una testimonianza e un pegno memoriale che valgono una continuità, un indirizzo, uno sguardo rivolto al futuro.

Il mondo è ancora insanguinato, il mondo è ancora al buio: «buio sangue». Ma «O anima del mondo / da tutto ferita, / da tutto risarcita…», risponde, perfettamente bilanciandosi tra sofferenza e ricompensa, dramma e speranza, un altro testo che Mario Luzi ci ha lasciato (Durissimo silenzio, in Viaggio terrestre e celeste di Simone Martini).

Marco Marchi

Sia detto

Sia detta a te, Firenze,
questa amara devozione:
città colpita al cuore,
straziata, non uccisa;
unanime nell’ira,
siilo nella preghiera.
Vollero accecarti, essi,
della luce che promani,
illumina tu, allora,
col fulgore della collera
e col fuoco della pena
loro, i tuoi bui carnefici,
perforali nella tenebra
della loro intelligenza, scavali
nel macigno del loro nero cuore.
Sii, tra grazia e sofferenza,
grande ancora una volta,
sii splendida, dura
eppure sacrificale.
Ti soccorra la tua pietà antica,
ti sorregga una fierezza nuova.
Sii prudente, sii audace.
Pace, pace, pace.

Mario Luzi 

(da Sia detto, in L’opera poetica; la poesia fu pubblicata per la prima volta in “La Nazione”, 8 giugno 1993)

Seguici anche sulla Pagina Facebook del Premio Letterario Castelfiorentino

ARCHIVIO POST PRECEDENTI 

1° Maggio con Pietro Gori , Il maggio odoroso. ‘A Silvia’ di Leopardi , Bukowski e il cuore che ride , La pioggia, l’amore. William Carlos Williams , Manzoni, Napoleone e ‘Il cinque maggio’ , Il piccolo io di Rabindranath Tagore , Pasolini e la profezia in forma di croce , Marina Cvetaeva e la gelosia , Primo Levi e l’amore. ‘Cercavo te nelle stelle’ , Ungaretti legge Ungaretti. ‘Per sempre’ , L’amore secondo Neruda, ‘Il tuo sorriso’ , Fortini, Pasolini e la speranza , Pascoli e il fiore di morte , Virgilio. Didone arde d’amore , L’ora di piombo di Emily DickinsonD’Annunzio, ritorno alla madre , Gli amati cigni di Hölderlin , Luzi e le lacrime delle cose , Erri De Luca e l’attesa del due , Montale. In uno o in due noi siamo una sola cosa , Camões, l’amore e il ‘fado’ , Saffo. ‘Simile a un dio’ , Premi. A Firenze la poesia si chiama ‘Iris’ , Maggio secondo Salvatore Di Giacomo , Campana, la tenebra e il canto

NOTIZIE DI POESIA 2012 , NOTIZIE DI POESIA 2013 , NOTIZIE DI POESIA gennaio-marzo 2014 , NOTIZIE DI POESIA aprile 2014