VEDI I VIDEO “Era de maggio” , “Era de maggio”, con musica di Mario Pasquale Costa, cantata da Fernando De Lucia , Tito SchipaClaudio Villa , Sergio Bruni , Roberto Murolo , Consiglia Ricciardi , Renzo Arbore e l’Orchestra italiana , Mina , Massimo Ranieri , Franco Battiato , Napulantica , Misia e Avion Travel , Lina Sastri , Gino Paoli e Danilo Rea

Firenze, 16 maggio 2018

Era de maggio

Era de maggio e te cadeano nzino

a schiocche a schiocche li ccerase rosse,

fresca era ll’aria e tutto lu ciardino

addurava de rose a ciente passe.



Era de maggio; io, no, nun me ne scordo,

na canzona cantàvemo a doie voce;

cchiù tiempo passa e cchiù me n’allicordo,

fresca era l’aria e la canzona doce.



E diceva: «Core, core!

core mio, luntano vaie;

tu me lasse e io conto ll’ore,

chi sa quanno turnarraie!»

Rispunneva io: «Turnarraggio

quanno tornano li rrose,

si stu sciore torna a maggio,

pure a maggio io stonco ccà».




E sò turnato, e mo, comm’ a na vota,

cantammo nzieme lu mutivo antico;

passa lu tiempo e lu munno s’avota,

ma l’ammore vero, no, nun vota vico.



De te, bellezza mia, m’annammuraie,

si t’allicurde, nnanz’ a la funtana:

ll’acqua llà dinto nun se secca maie,

e ferita d’ammore nun se sana.



Nun se sana: ca sanata

si fosse, gioia mia,

mmiezzo a st’aria mbarzamata

a guardarte io nù starria!



E te dico: «Core, core!

core mio, turnato io sò,

torna a maggio e torna ammore,

fa de me chello che buò!».

Salvatore Di Giacomo  

Traduzione


Era maggio e ti cadevano in grembo 
/ a grappoli le ciliege rosse,
 / fresca era l’aria e tutto il giardino
 / odorava di rose a cento passi.
 // Era maggio; io, no, non me ne dimentico,
 / una canzone cantavamo a due voci;
 / più tempo passa e più me ne ricordo
 / fresca era l’aria e la canzone dolce.
 // E diceva: «Cuore, cuore!
 / cuore mio, lontano vai;
 / tu mi lasci e io conto le ore,
 / chi sa quando tornerai!»
 // Rispondevo io: «Tornerò
 / quando tornano le rose,
 / se questo fiore torna a maggio, / anch’io a maggio sarò qua».
 // E son tornato, e ora, come una volta, / cantiamo insieme il motivo antico
 / passa il tempo e il mondo gira,
 / ma l’amore vero, no, non cambia vicolo.
 // Di te, bellezza mia, m’innamorai,
 / se ti ricordi, davanti alla fontana:
 / l’acqua là dentro non si secca mai,
 / e ferita d’amore non guarisce. 
// Non guarisce: che se fosse guarita
 / gioia mia, in mezzo a quest’aria imbalsamata
 / io non starei a guardarti! 
// E ti dico: «Cuore, cuore! 
/ cuore mio, io sono tornato,
 / torna maggio e torna l’amore
 / fai di me quello che vuoi!»

(1885; da “Le poesie e le novelle”)