Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Salute Itinerari

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Scrub e abbronzatura: come prepararsi a prendere il sole

Pulisce a fondo la pelle e rimuove le cellule morte, aiutando a ottenere una tintarella perfetta 

Ultimo aggiornamento il 18 maggio 2018 alle 16:50
Lo scrub prepara la pelle per l'abbronzatura - Foto: Peopleimages/iStock
Lo scrub ha origini antiche: lo eseguivano già secoli fa i popoli del Medio Oriente durante il rito dell'hammam. Per chi non l'avesse mai fatto, consiste nello strofinare la pelle con prodotti specifici o con un guanto particolare per esfoliarla e purificarla profondamente. Una pratica che offre anche un altro vantaggio "stagionale": prepara l'epidermide ad abbronzarsi in modo omogeneo durante i bagni estivi di sole.

COME FARE LO SCRUB
L'obiettivo, ovvero quello di rimuovere le cellule morte attraverso una leggera abrasione, è sempre lo stesso, ma si raggiunge con strumenti diversi. Si possono infatti scegliere guanti ruvidi, spazzole in fibre morbide oppure prodotti cosmetici contenenti microgranuli. Prima di iniziare è importante mettersi in ammollo per qualche minuto così da ammorbidire la pelle, poi si procede con un energico strofinamento con la spazzola o il guanto. Evitate i punti più delicati come il seno, per non rischiare rossori. Se optate invece per una crema scrub, applicatela sotto la doccia sulla pelle intiepidita. Per ottenere il massimo del risultato l'ideale è eseguire movimenti rotatori, dal basso verso l'alto partendo dalle caviglie e dall'esterno del corpo verso il cuore: in questo modo si riattivano la circolazione e il ritorno venoso.

IDRATARSI È FONDAMENTALE
Una volta concluso lo scrub è importante idratare a fondo la pelle esfoliata, che si ritrova con uno strato idrolipidico ridotto. Applicate una crema o dell'olio, come quelli naturali di mandorle o di argan, che ha anche proprietà anti invecchiamento.

SCRUB TUTTO L'ANNO
La pelle dopo lo scrub è morbida, colorita, luminosa. Se in estate aiuta a prepararsi per l'abbronzatura, è consigliabile farlo di tanto in tanto anche durante il resto dell'anno: liberata dalle impurità, la pelle risulta più ricettiva a eventuali trattamenti, come l'utilizzo di creme anticellulite e anti ritenzione idrica. Ma lo scrub è praticabile anche dopo la vacanza: non cancella infatti l'abbronzatura, ma la rinnova, perché va ad eliminare solo lo strato superficiale della pelle, mentre il colorito riguarda anche quelli più profondi.


Leggi anche:
- Ecco perché la spazzolatura a secco della pelle fa (molto) bene
- Calcola la tua aspettativa di vita con un test
- Consumare pesce due volte a settimana fa bene al cuore

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.