Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Moda Salute Itinerari

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Insonnia fa rima con solitudine

Se dormiamo poco avremo meno voglia di interagire con gli altri, che a loro volta ci percepiranno come respingenti: un circolo vizioso analizzato da una nuova ricerca 

Ultimo aggiornamento il 27 agosto 2018 alle 16:43
Foto: praetorianphoto/iStock
Uno studio pubblicato recentemente su Nature Communications ha certificato l'esistenza di un legame fra l'insonnia e la solitudine: secondo gli scienziati, non solo la mancanza di sonno ci fa sentire più soli, ma fa anche sì che il nostro aspetto scoraggi l'interazione con altre persone, creando in questo modo un circolo vizioso.

L'INSONNIA È NEMICA DELLA SOCIALITÀ
L'indagine è avvenuta in due fasi differenti, la prima sperimentale e la seconda basata su un sondaggio online. Senza entrare troppo nei dettagli tecnici, sono emersi alcuni fattori interessanti. Innanzitutto, coloro che soffrono di insonnia tendono ad allargare l'ampiezza del loro spazio personale, percependo di conseguenza la presenza delle altre persone come un'intrusione. Il fenomeno agisce in modo sensibile: gli insonni tendevano a ritenere come intime aree anche del 60% maggiori rispetto a quelle di chi aveva dormito bene e in abbondanza.

GLI INSONNI NON PIACCIONO
La riduzione della socialità non è un fattore che riguarda solo chi soffre d'insonnia. Gli studiosi hanno infatti scoperto che chi ha dormito poco ha un aspetto che in linea di massima riduce la voglia degli estranei di interagire con loro. Addirittura, in alcuni volontari dell'esperimento la visione di persone insonni ha prodotto sensazioni di solitudine e alienazione, e questo dopo soli sessanta secondi. Insomma, è stata registrata la possibilità di un vero e proprio "contagio sociale" degli effetti prodotti dall'insonnia.

INSONNIA E SOLITUDINE
In conclusione valgono le parole di Eti Ben Simon, prima firmataria della ricerca e docente in neuroscienze presso l'Università della California Berkeley: "Se non dormiamo un numero di ore sufficienti diventiamo respingenti dal punto di vista sociale, cosa che produce e alimenta la solitudine".

Il fatto che dormire bene sia importane non lo scopriamo certo oggi, ma questa nuova ricerca aggiunge un'importante tassello al quadro, confermando anche un legame fra due dei problemi sociali in maggiore crescita in questi ultimi anni, appunto l'insonnia e la solitudine.

Leggi anche:
- Quanti carboidrati devi mangiare per vivere a lungo?
- "Bere alcol fa sempre male, anche a piccole dosi"
- Il primo hotel al mondo dentro un birrificio

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.