Che il fumo faccia male in generale è un dato acclarato dalla scienza. Che danneggi anche il feto in gravidanza anche. Ora uno studio giapponese rivela che l'esposizione al fumo di tabacco prima e dopo la nascita può portare a problemi di udito nei bambini.


LO STUDIO SU FUMO E GRAVIDANZA
La ricerca, condotta da un team del Dipartimento di Pediatria e Epidemiologia Prenatale della Kyoto University ha visto prendere in esame i dati di 50.734 bambini di 3 anni nati tra il 2004 e il 2010. Di questi, il 3,8% è stato esposto al fumo diretto solo durante il periodo di gravidanza (poi la madre ha smesso), il 15,2% è stato esposto solo al fumo passivo durante la gravidanza, il 3,9% è stato esposto solo al fumo passivo a 4 mesi di età, lo 0,9% è stato esposto al fumo sia durante la gravidanza che a 4 mesi.


L'UDITO CALA CON IL FUMO
I risultati dello studio mostrano che tutti i bambini hanno subito una perdita dell'udito in media del 4,6% a 3 anni. Ma nei bambini esposti al fumo le percentuali si alzano in modo vistoso. I bambini che hanno respirato fumo di tabacco in età prenatale hanno avuto un aumento del rischio relativo del danno uditivo del 26%; per quelli esposti a fumo a 4 mesi dalla nascita l'aumento del rischio è stato del 30%; per quelli esposti al fumo diretto durante la gravidanza si è arrivati al 68% di rischio in più.
I più sfortunati sono i bambini che sono stati esposti al fumo sia durante la gravidanza che a quello passivo a 4 mesi di vita: per loro il rischio relativo è salito di 2,4 volte.

PREVENIRE FIN DA SUBITO
Anche se le linee guida sulla salute pubblica scoraggiano il fumo durante la gravidanza e di fronte ai bambini, alcune donne fumano ancora durante la gravidanza e molti bambini sono esposti al fumo passivo, spiega l'autore senior Koji Kawakami, che aggiunge: "Questo studio dimostra chiaramente che la prevenzione dell'esposizione al fumo di tabacco durante la gravidanza e durante il periodo postnatale può ridurre il rischio di problemi di udito nei bambini.
I risultati ci ricordano la necessità di continuare a rafforzare gli interventi per prevenire il fumo prima e durante la gravidanza e l'esposizione al fumo passivo nei bambini".