La bottiglia battuta all'asta – Foto: Sotheby's Hong Kong
La bottiglia battuta all'asta – Foto: Sotheby's Hong Kong
Quanto saresti disposto a pagare per un whisky da collezione? Se si tratta del giapponese Yamazaki 50 la competizione sarebbe agguerritissima: in una recente asta presso la sede di Sotheby's a Hong Kong, una bottiglia di questo pregiato single malt è stata venduta a 2,337 milioni di dollari locali, equivalenti a poco meno di 340mila euro. Più del doppio di quanto preventivato dagli esperti prima che il battitore si mettesse al lavoro: è ufficialmente un record per quanto riguarda i whisky giapponesi.

YAMAZAKI 50, WHISKY GIAPPONESE DA COLLEZIONE

Perché mai settecento millilitri di Yamazaki 50 dovrebbero costare così tanto? Per prima cosa, non è escluso che la foga da competizione abbia alimentato l'aumento delle offerte, anche perché le stime di Sotheby's avevano previsto che la vendita si sarebbe conclusa con un prezzo tra 700mila e un milione e 100mila dollari di Hong Kong. Al di là di ciò, la bottiglia in questione è l'edizione limitata di un whisky pregiato e con un lunghissimo invecchiamento: tre caratteristiche che fanno sempre impennare le quotazioni. È stata imbottigliata nel 2011 in soli centocinquanta esemplari ed è accompagnata da un cofanetto in legno autografato da Shinji Fukuyo, chef blender della distilleria Yamazaki, la più antica del Giappone (anche quest'ultimo è un dato che aiuta a spiegare la cifra sborsata).

MA SE NON POSSO SPENDERE COSÌ TANTO, COSA BEVO?
Coloro che sono incuriositi dai whisky giapponesi non devono disperare davanti al prezzo stratosferico dello Yamazaki 50 venduto da Sotheby's. Evitando le edizioni da collezione e le bottiglie fuori dalla norma, ad esempio quelle affinate a lungo o in botti particolari, è possibile procurarsi un ottimo Yamazaki spendendo un numero sensato di euro. Il Distillers Reserve si trova ad esempio attorno agli ottanta euro, mentre l'eccellente Yamazaki 12 Years è acquistabile investendo 130-180 euro, a seconda dei rivenditori: un prezzo importante, ma assolutamente adeguato alla qualità del distillato.

Leggi anche:
- Whisky orientali, ecco il trend del 2018
- La storia di Bulleit, l'american whiskey che piace
- Birre artigianali, i trend del 2018