È nata Luandina, la prima birra dell'Angola, una pilsner che prende il nome dalla declinazione al femminile della capitale Luanda: scelta che vuole esplicitamente rendere omaggio alle donne, al loro ruolo nella società e al rispetto che è loro dovuto.

LA PRIMA BIRRA DELL'ANGOLA
Lo stabilimento della Luandina sorge a una manciata di chilometri da Luanda, sulle rive del Kwanza, uno dei principali fiumi dell'Angola. La costruzione del birrificio, così come la ricetta della birra, sono il risultato di un lavoro durato due anni e condotto in partnership con Webb deVlam, società internazionale specializzata in comunicazione e creazione di brand. Il risultato è una birra che si vanta di essere al 100% angolana, perché le materie prime vengono dal territorio nazionale e l'intero processo di lavorazione avviene alle porte di Luanda.

COS'È UNA PILSNER?
La pilsner è una tipologia di birra originaria della Repubblica Ceca e caratterizzata da un ruolo marcato del luppolo. In generale si tratta di una bevanda moderatamente frizzante, dal gusto pulito e poco complesso, molto beverina. Il colore va dal chiaro allo scuro, a seconda dei produttori e della lavorazione, ma la maggior parte delle pilsner è chiara e anche la Luandina lo è.

COME FACCIO A BERE UNA LUANDINA?
Al momento la produzione copre praticamente il solo l'Angola, dunque l'unico modo per assaggiare la Luandina in tempi brevi è fare una vacanza nel paese africano. I produttori puntano però a espandersi, prima di tutto in Africa e successivamente anche all'estero: insomma, avendo un po' di pazienza potremmo trovarla anche in Italia. Non prima di qualche anno, però.

Leggi anche:
- Ristoranti: l'88% cerca recensioni online. E spesso resta deluso
- Ecco un rye whiskey che merita attenzione
- Il whiskey che piacerebbe a Shakespeare