Foto: Diageo/Johnnie Walker
Foto: Diageo/Johnnie Walker
Quando sei la marca di whisky scozzese più venduta al mondo, quali sfide ti dai? Johnnie Walker risponde facendo esperimenti che poi vengono distribuiti in edizione limitata: gli ultimi due, freschi di ingresso nel mercato italiano, sono il Blenders' Batch Rum Cask Finish e Blenders’ Batch Espresso Roast. Di cosa stiamo parlando esattamente?

GLI ESPERIMENTI DI JOHNNIE WALKER
Nel caso di queste due particolari bottiglie, la sperimentazione ha riguardato l'invecchiamento: il Blenders' Batch Rum Cask Finish è uno scotch whisky che affina in botti precedentemente utilizzate per il rum caraibico e così facendo acquista note speziate e di frutta esotica; il Blenders’ Batch Espresso Roast invecchia invece in botti molto bruciate all'interno e che in fase di distillazione ha potuto contare su una leggera tostatura dell'orzo: il risultato è un whisky di forte personalità, con sorprendenti note di caffè, cioccolato fondente e liquirizia.

DA SOLI O COME INGREDIENTI DI COCKTAIL
Oggi sembra impossibile parlare di distillati trascurando il mondo dei cocktail e di conseguenza sono già state trovate due ricette che esaltano le edizioni limitate di Johnnie Walker. Nel primo caso, il suggerimento è di mischiare un pizzico di zenzero con 40ml di Blender’ Batch Rum Cask Finish, 20ml di Velvet Falernum, 20 ml di succo di limone e 30 ml di succo d’ananas, poi aggiungere 20 ml di soda, mescolare e guarnire con una fetta di ananas e zenzero. Nel secondo caso, si parte da un mixing-glass riempito di ghiaccio, si versano 40 ml di Blenders’ Batch Espresso Roast, 20 ml di Premium Coffee Liqueur, 20 ml di vermouth dolce e scorza di limone: servire in un bicchiere e guarnire con un twist di limone, aggiungendo una goccia di olio al tartufo come tocco finale.

P.S.: entrambi questi whisky si possono acquistare con 25 euro a bottiglia.

Leggi anche:
- Ecco un rye whiskey che merita attenzione
- Cosa sono i menù sensoriali per i cocktail?
- Il whiskey che piacerebbe a Shakespeare