Vino, beneficenza e rock'n'roll. In occasione del prossimo tour dei Pearl Jam sono state messe in vendita 450 casse a tiratura limitata, ognuna contenente quattro bottiglie di vino, frutto della collaborazione con la band. Sulla scatola si legge la scritta Home x Away, che è appunto anche il nome del tour, e sull'etichetta di ogni bottiglia campeggia il profilo delle quattro città dove si svolgeranno i concerti: Seattle, Missoula, Chicago e Boston.

I proventi saranno destinati ad aiutare i senzatetto di Seattle, la città del gruppo: sono oltre 12mila le persone che qui vivono per strada, uno dei numeri più alti degli Stati Uniti.

COSA C'ENTRANO I PEARL JAM CON IL VINO
È noto che il cantante Eddie Vedder sia un amante del rosso (in particolare, pare, del Pinot Nero), tanto che spesso se ne fa qualche bicchiere anche durante i concerti. Passione da bevitori a parte, la band ovviamente non si è messa a imbottigliare vino: il team artistico che lavora con Vedder e soci ha disegnato le etichette delle Home x Away e la band ha dato il suo supporto ufficiale.

Il vino è stato prodotto da Underground Wine Project, un progetto nato dalla collaborazione tra i proprietari (nonché fan sfegatati del gruppo) di due piccole ma quotatissime cantine, la Mark Ryan Winery e la Sleight of Hand Cellars, entrambe di base a Seattle. Si tratta di un blend di Syrah e Cabernet Sauvignon del 2015, affinato per 22 mesi in botti di quercia francesi.

TUTTO ESAURITO
La vendita delle casse Home x Away è stata annunciata nella newsletter della band e nel giro di dodici minuti erano già andate sold out. Insomma, sono finite prima ancora che la notizia uscisse dal giro delle e-mail. Facendo i calcoli, sono stati raccolti in un lampo 67.500 dollari, che saranno devoluti alla Vitalogy Foundation, l'organizzazione benefica fondata dai Pearl Jam.


Leggi anche:
- Whisky, vodka e tequila: i liquori delle star di Hollywood
- Le nonne italiane che fanno la pasta, un patrimonio da conservare
- Lo chef stellato che si scaglia contro le "finte allergie"