Foto: Winchester Distillery
Foto: Winchester Distillery

Londra, 14 maggio 2018 - Ormai da qualche anno il mercato internazionale del gin è vivacissimo e quasi non si contano più i distillatori, grandi o piccoli che siano. In un panorama di questo tipo la parola d'ordine è diventata 'distinguersi', cioè imbottigliare qualcosa di sufficientemente originale da potersi far notare all'interno di una proposta globale sovraffollata. La strategia dell'inglese Winchester Distillery è di produrre un gin stagionale in edizione limitata: l'ultimo nato è lo 'Spring Meadow', edizione primaverile distillata a partire da fiori di ciliegio appena colti, miele di borragine e altre botaniche di provenienza locale.

IL GIN PRIMAVERILE
Ripasso: perché si possa parlare di gin occorre che il processo di distillazione avvenga utilizzando le bacche di ginepro. C'è chi si fa bastare solo quelle e c'è chi aggiunge una serie di erbe e spezie, le cosiddette botaniche. Nel caso dello 'Spring Meadow', accanto al ginepro troviamo fiori di sambuco, lavanda, coriandolo e appunto fiori di ciliegio colti a mano dal capo distillatore Paul Bowler presso il giardino di Sir Harold Hillier, che già aveva concesso la raccolta l'anno scorso. L'aggiunta dell'edizione 2018 è il miele di borragine, che amplifica le note floreali del gin e che proviene da un'azienda famigliare locale.

LE ALTRE STAGIONI
La Winchester Distillery realizza quattro edizioni stagionali l'anno, che siccome sono prodotte in numero ridotto (250 bottiglie) vanno esaurite relativamente in fretta, anche perché il prezzo si è più che ragionevole: si aggira attorno ai 40 euro. Le stagionali estiva e autunnale 2017 sono sold out, ma ancora si possono trovare bottiglie di quella invernale, che tra le altre botaniche ha la mela cotogna.
Tra qualche settimana verrà messa sul mercato l'edizione estiva 2018, chiamata 'Summer Garden' e caratterizzata da sentori di mirtilli e fragole. Anche in questo caso, le botaniche arrivano da realtà locali e attente all'ambiente, ulteriore elemento di distinzione per questi particolari tipi di gin.

Leggi anche:
- Il gin irlandese fatto con il latte di mucca
- Il ritorno di un gin storico
- Prezzo record per due whisky Macallan 1926: 1,2 milioni