Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Salute

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Eliminare la ritenzione idrica e dissetarsi

Un disturbo diffuso, che si trasforma in cellulite oppure in gonfiore, crea nelle donne un disagio. Ma si può ovviare con la giusta alimentazione e qualche trucco

Ultimo aggiornamento il 8 maggio 2018 alle 19:26
Consumare tanti liquidi è il segreto contro la ritenzione - foto peopleimages istock

Milano, 8 maggio 2018 - La prova costume è in arrivo, ma la ritenzione idrica resiste a qualsiasi stagione. Un disturbo davvero diffuso, che si trasforma in cellulite oppure in gonfiore, crea nelle donne un grande disagio. Correre ai ripari con sport, diete ferree e crème è difficile perché serve motivazione ferrea e costanza. Si può piuttosto fare qualcosa a tavola, stando attente a cosa si beve e introducendo alcuni alimenti nella dieta.

Bevi tanto. La regola aurea per la lotta contro la ritenzione idrica è bere il più possibile. La ritenzione provoca ristagni di liquidi che si combattono assumendo più liquidi (già) che si può. In che forma? Le più disparate: l’acqua, che come sappiamo deve essere in una dose di almeno due litri al giorno; ma anche frutta e verdura particolarmente ricche di liquidi, come cetriolo, lattuga, sedano, pomodori, anguria, fragole, pompelmi e arance. Durante il giorno poi, giusto per variare, possiamo scegliere delle tisane, sfruttando i naturali poteri delle erbe: chiedete in erboristeria di prepararvi una tisana drenante. Spesso a base di betulla, finocchio, equiseto e centella asiatica.

No all'alcol. Anche se rientra tra i liquidi, l'alcol esula dalla regola che raccomanda di bere il più possibile. Perché gli alcolici provocano vasocostrizione e di conseguenza favorisconi l’insorgere della ritenzione idrica. Provate a fare a meno dell'alcol o a ridurlo al minimo indispensabile per un certo periodo. Lo stesso vale per il caffè.

Riduci il sale. Per renderci conto di quanto sale ingeriamo quotidianamente si può fare una prova, evitando per una settimana qualsiasi alimento senza sale. È difficilissimo. Il sale si trova infatti ovunque e in dosi spesso eccessive e favorisce la ritenzione idrica: per quanto possiamo, cerchiamo di ridurlo nei condimenti e nelle preparazioni.

Cerca il potassio. Effetto dissetante e riequilibrante, l'assunzione di bevande che contribuiscono all'apporto di potassio ha un'azione opposta a quella del sale, per questo motivo è importante introdurre nelle abitudini a tavola alcuni alimenti ricchi di potassio per contrastare la ritenzione idrica. Ad esempio le banane, i broccoli, kiwi e spinaci.

Le minestre, anche in estate. Brodi e minestre sono un’ottima alternativa ai primi più ricchi di calorie. Inoltre la parte liquida della minestra, unita alle proprietà delle verdure che contiene, serve a contrastare la ritenzione idrica. Qualche idea? Un passato di zucchine si può consumare anche freddo ed è delizioso con dei peperoni croccanti abbinati e una quenelle di formaggio fresco a completamento. 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.