Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Moda Salute Itinerari

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

C'è un videogame che insegna a distinguere le verità dalle bugie

Negli Usa è stato creato un videogame che aumenta la nostra capacità di individuare le bugie, insegnando a riconoscere i comportamenti sospetti  

Ultimo aggiornamento il 11 luglio 2018 alle 20:08
Un videogioco per riconoscere le bugie - foto scyther5 istock

Siamo sicuri di saper riconoscere una bugia, capire quando una persona mente, distinguere nettamente verità e menzogna? Non è facile, non esistono strategie sicure, e siamo limitati dai nostri pregiudizi. Ma ora un videogioco potrebbe aiutarci. Si chiama Veritas ed è stato creato e utilizzato per uno studio scientifico, dando risultati interessanti.
Lo hanno utilizzato alla UC Santa Barbara, dove la ricercatrice Norah Dunbar studia i meccanismi dell'inganno e della credibilità da 20 anni. La ricerca, pubblicata sulla rivista Computers in Human Behavior getta le basi anche per lo sviluppo di un videogioco 'da casa', che potrebbe diventare uno strumento efficace per addestrare le persone al rilevamento degli inganni.



IL GIOCO DELLA VERITÀ
La ricerca dell'università americana si è basata proprio sull'utilizzo di questo videogame, Veritas. L'acronimo sta per Veracity Education and Reactance Instruction through Technology and Applied Skills ed è stato testato su studenti universitari e con le forze dell'ordine, dimostrando di funzionare in modo efficace nel permettere di riconoscere con precisione verità e bugie.
In sostanza, consiste nel mettere i giocatori davanti a due scenari: un colloquio di lavoro e un caso di furto in ambiente di lavoro.
Lo scopo era capire se gli attori ingaggiati per i ruoli mentissero o no. In media gli studenti partivano con una bassa percentuale di riconoscimento della verità (56%), ma a fine gioco questa era salita (68%).
Per le forze dell'ordine coinvolte, più addestrate a individuare le menzogne, si partiva dal 62% e si saliva comunque al 78%.



OLTRE I PREGIUDIZI
Il miglioramento nella capacità di riconoscere bugie e verità è stato notevole: grazie al gioco i volontari sono stati capaci di superare i propri pregiudizi e imparare a capire quali fossero i segnali più affidabili per individuare le bugie, cosa che prima non erano in grado di fare. Al di là di alcuni stereotipi come lo sguardo sfuggente, le storie arzigogolate e il linguaggio corporeo fuori posto, il videogame Veritas è programmato per insegnare a mettere insieme indizi in modo da riconoscere un cluster di comportamento definibile come menzognero in modo certo.
Si fonda su un trittico di elementi, chiamato 'la tripletta del bugiardo': incertezza, tensione e sovraccarico cognitivo (ripetizione di frasi, attese).
Si è così constatato che con questo sistema le percentuali di riconoscimento della verità salivano, con una tendenza delle persone a rilevare più facilmente le affermazioni veritiere invece che quelle mendaci.
Il progetto è già in fase di sviluppo per diventare un videogame per tutti, grazie anche a finanziamenti pubblici.


Leggi anche: Le risate finte hanno le gambe corte


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.