Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Salute

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Attenti, i ragni ci ascoltano

Una ricerca rivela che i ragni possono sentire, attraverso le zampe. Sia i nostri passi che el conversazioni, fino a 5 metri di distanza. 

Ultimo aggiornamento il 17 ottobre 2016 alle 15:33
I ragni ascoltano suoni a lunga distanza - foto Geoff du Feu / Alamy
I ragni ci ascoltano, sentono cosa diciamo, capiscono quando stiamo entrando in casa, riconoscono i nostri passi. Non è la trama di un film horror ma la conclusione di una ricerca condotta alla Cornell University.

ZAMPE SENSIBILI
Si sa da tempo che i ragni possono sentire i rumori attraverso le setole delle loro zampe, che sono in grado di percepire le vibrazioni provenienti dall'aria o da oggetti solidi come il pavimento. Ma finora si credeva potessero solo ascoltare vibrazioni a corto raggio. Lo studio di Gil Menda e colleghi dimostra invece che gli aracnidi sentono tutto fino a 5 metri di distanza. Il ragno esaminato è stato un esemplare di Phidippus audax, a cui sono stati attaccati microelettrodi nel cervello.

UNA SPECIE DI SUPERPOTERE
Questa specie di ragno saltellante ha fatto capire ai biologi che i suoi neuroni si attivano a un battito di mani o a una sedia che si sposta da 3 a 5 metri. “Siamo rimasti molto sorpresi”, spiega Gil Menda, leader della ricerca, “i ragni possono captare i suoni a una distanza pari a 3 50 volte la lunghezza del loro corpo”. Questa capacità è dovuta alla selezione naturale che ha portato a evolvere la percezione a fini difensivi: il ragno deve guardarsi da parassiti e insetti di vario genere. Sono dunque i peli delle zampe a rivelare i suoni al cervello del ragno, che è così in grado di ascoltare le conversazioni umane o di individuare i passi all'interno di una stanza, riconoscendo anche le differenze di tono.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.