Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Salute Itinerari

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

In Albania è "caccia" ai randagi. Enpa scrive all'ambasciatore

Operazioni di pulizia sommaria nella zona di Tirana. La Protezione animali chiede verifiche e chiarimenti anche perché l'Italia collabora a progetti di sterilizzazione

Ultimo aggiornamento il 27 aprile 2018 alle 14:39
Randagi in una foto AFP

Roma, 27 aprile 2018 – Cani fatti sparire dai quartieri dove vivono. Cani caricati su camion e portati chissà dove. Cani uccisi e poi gettati in discarica come fossero rifiuti. Queste le inquietanti notizie raccolte da Enpa attraverso i propri corrispondenti oltreadriatico in merito all’ennesimo pogrom contro i randagi, che sarebbe in atto a Tirana. Ancora più allarmanti, poi, le testimonianze circa un possibile coinvolgimento delle autorità albanesi. E' quanto riferisce una nota della Protezione animali.

La presidente nazionale di Enpa, Carla Rocchi, ha scritto all’ambasciatore italiano in Albania, Alberto Cutillo. «Conosciamo la vostra sensibilità in merito alla tutela del benessere degli animali; sensibilità che si è tradotta in azioni concrete anche con la meritoria elargizione di contributi per la sterilizzazione, la cura e la vaccinazione di animali randagi», scrive Rocchi. «Tuttavia – si legge ancora nella lettera – le chiedo di verificare, nell’immediato, i contorni della vicenda, chiedendole inoltre di valutare la possibilità di sospendere ogni contributo ad articolazioni dello Stato albanese che invece di tutelare il benessere animale, arrivino ad adottare soluzioni tragiche quanto inutili come la soppressione di poveri e indifesi animali». 

Con l’occasione, l’Ente Nazionale Protezione Animali ricorda che le uccisioni di randagi non sono soltanto crudeli ed eticamente inaccettabili; sono assolutamente inadatte a risolvere l’emergenza randagismo e ogni eventuale problema di convivenza tra uomini e animali, conclude la nota.

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.