Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Salute

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Maltrattamenti in famiglia: Brambilla denuncia l'uomo che ha gettato il cane dal balcone

Nella querela presentata dalla parlamentare si parla di un’ipotesi di violenza assistita a danno di un minore

Ultimo aggiornamento il 24 aprile 2018 alle 18:56
Cagnolino nel prato (Foto L.Gallitto)

Roma, 24 aprile 2018 - Maltrattamenti in famiglia e uccisione di animali. Sono i reati per i quali l’on. Michela Vittoria Brambilla, deputata di Fi, presidente della Lega italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente, ha denunciato oggi l’uomo che a Roma, il 19 aprile, come riportato praticamente da tutti gli organi di stampa, ha ucciso il cane del figlio della convivente, una femmina di Jack Russell di nome Lilly, gettandola dal settimo piano. 
Nella denuncia-querela, predisposta dai legali dell’onlus, si chiede all’autorità giudiziaria, trattandosi di un’ipotesi di violenza assistita a danno di un minore, di provvedere, anche d’ufficio, ad adottare le necessarie misure “in materia di responsabilità genitoriale”, compreso l’allontanamento del responsabile dalla casa familiare. 

La letteratura scientifica – si legge nella querela - evidenzia come nell’ ambito della violenza domestica o nei casi di stalking il maltrattamento di animali sia un indicatore specifico di potenziali successive violenze fisiche e/o psicologiche su soggetti deboli, come donne, minori e anziani, esposti ad atti violenti da parte dell’abusante 7,6 volte in più dei contesti in cui gli animali non vengono minacciati o abusati. “Il caso in oggetto – conclude il testo - si configura, ad avviso della scrivente, come perfetta espressione del paradigma per cui l’ uccisione di animali non è mai da interpretare come fenomeno isolato, bensì come anello di una catena di violenze interpersonali”. Una catena che dev’essere spezzata, conclude la nota.

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.