Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Salute Itinerari

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Il Giappone torna in Antartico per catturare e uccidere 333 balene

Le navi specializzate nella caccia sono tornate in porto con il loro bottino di animali morti nonostante le tante polemiche internazionali

Ultimo aggiornamento il 31 marzo 2018 alle 16:55
Balena in una foto AFP

Tokyo (Giappone), 31 marzo 2018  - Delle baleniere giapponesi sono rientrate oggi nel porto di Shimonoseki, nell'ovest del Giappone, dopo avere catturato e ucciso 333 cetacei nell'oceano Antartico. Lo riferisce la locale Agenzia della pesca, aggiungendo che la flotta - capeggiata dalla nave principale Nisshin Maru - non ha dovuto affrontare alcuna manifestazione di protesta da parte delle organizzazioni che si oppongono alla caccia alle balene. In passato le baleniere giapponesi avevano dovuto affrontare organizzazioni a difesa degli animali come Sea Shepherd, ma l'anno scorso la ong aveva annunciato che non prevedeva operazioni di protesta in mare per questa stagione. Il Giappone è firmatario della moratoria sulla caccia della Commissione internazionale per la caccia alle balene, ma utilizza una falla del testo che autorizza la caccia ai cetacei per scopi scientifici.

Nel 2014 la Corte internazionale di giustizia aveva ordinato al Giappone di porre fine alle sue campagne di caccia regolari nelle acque dell'Antartico, sottolineando che non corrispondono ai criteri scientifici richiesti. A fine gennaio il premier giapponese Schinzo Abe ha ribadito la volontà del suo Paese di proseguire la caccia alle balene cosiddetta 'scientifica' nell'Antartico e di riprendere la pesca commerciale. Il Gialle quali si dà la caccia da secoli. L'industria baleniera è fiorita dopo la Seconda guerra mondiale, per portare proteine animali agli abitanti del Paese. Negli ultimi anni, tuttavia, la domanda da parte dei consumatori giapponesi è considerevolmente diminuita. 
animali@quotidiano.net

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.