Fragole e ciliegie hanno basso indice glicemico - foto iphotos35

Consumare alimenti a basso indice glicemico (IG) aiuta a prevenire non solo il diabete, ma anche obesità e malfunzionamenti del metabolismo. È importante dunque prestare attenzione a questo indice rispetto a ciò che ingeriamo. Ma di cosa si tratta? È un valore che indica la velocità di digestione e assorbimento dei cibi contenenti carboidrati e il suo conseguente effetto sui livelli di glucosio nel sangue.

La frutta è un ottimo spezza fame ed è ricca di fibre, in grado di ridurre l’assorbimento degli zuccheri introdotti durante il pasto. Che si sia a dieta o meno, scegliere quella con basso indice glicemico permette di essere più consapevoli del proprio stile alimentare. Ecco i frutti più indicati per tenera sotto controllo la propria salute.

AVOCADO
Antiossidante, l’avocado è un cibo sano dal punto di vista nutrizionale e ha indice glicemico 10, un valore molto basso.


FRUTTA SECCA

Non si deve esagerare con le quantità perché è molto calorica, ma la frutta secca ha un indice glicemico basso, oltre ad essere fonte di vitamine e Omega tre.


PRUGNA
È il succo della prugna fresca ad avere un IG basso. Dolci e dissetanti, sono anche diuretiche.


CILIEGIA
Abbassano gli zuccheri nel sangue e sono ricche di flavonoidi e antocianine: le ciliegie sono un frutto ideale per uno snack leggero e salutare.


POMPELMO
Combatte il colesterolo cattivo e abbassa i trigliceridi, oltre ad essere delizioso anche sotto forma di spremuta.


FRAGOLA
Regalo della primavera, le fragole sono dolci e profumate e, se consumate a fine pasto, contribuiscono ad abbassare il livello di zuccheri nel sangue.


MELA
Può ingannare per il suo sapore non eccessivamente dolce, ma la mela, seppur abbia un IG più basso di altri frutti, va consumata moderatamente.


PERA
Il valore glicemico della pera è 30 e può essere mangiata frequentemente: attenzione però alle quantità perché la pera è lassativa.


ALBICOCCA
Ricche di vitamina A e C, le albicocche vengono consigliate in estate perché stimolano l’abbronzatura. Hanno un IG basso.


ARANCIA
È utile sapere che per ridurre l’indice glicemico delle arance si deve mangiare anche la parte bianca, perché contiene pectina e bioflavonoidi che moderano i livelli di zucchero.