Venerdì 19 Luglio 2024

Ripetuti atti vandalici contro i gatti del cimitero. Ma i teppisti hanno le ore contate

Brindisi. Dopo le denunce presentate da Antonella Brunetti, delegata di Guardia dell'Ambiente, sono scattate le indagini. E sono state acquisite le registrazioni delle telecamere di sorveglianza

Gatti della colonia felina di Brindisi

Gatti della colonia felina di Brindisi

Brindisi, 19 marzo 2018  - Sono ormai noti i furti e gli atti vandalici che offendono il riposo eterno e la memoria degli estinti nel Cimitero di Brindisi, ora a questi si aggiungono le numerose violazioni delle leggi che tutelano i gatti liberi e le colonie feline protette , nonché la totale assenza  di moralità e responsabilità sociale verso quei viventi che hanno ben poco dalla vita. E' quanto riporta una nota di Guardia dell'Ambiente di Brindisi.

La questione nasce alcuni anni fa, quando ignoti disseminarono del veleno su un 'ampia area del camposanto causando l'atroce morte di numerosi gatti. A  questo fece seguito il  mancato controllo di un gruppo di cani di proprietà che quotidianamente terrorizzavano i felini procurando loro nocumento e morte, molti gatti difatti furono rinvenuti squartati nei viali del cimitero, si legge ancora nel comunicato.

La Delegata Guardia dell'Ambiente,  Antonella Brunetti, nonché  curatrice della colonia felina registrata presso il Comune di Brindisi, ogni giorno è impegnata nel contrasto di questi atti scellerati, spesso frutto dell'intolleranza e di condotte arbitrarie e indisturbate mai represse. "Un lavoro senza sosta - sostiene - dagli interventi di sterilizzazione presso le Asl , alla profilassi contro le parassitosi fino al coinvolgimento dell'ente pubblico, quale organo garante dei felini, per patologie che necessitano di ricovero in clinica -  l'Associazione negli anni ha avuto un ruolo centrale per il benessere dei gatti, facendosi carico di illimitate spese veterinarie. E proprio questa è una questione che ha assunto dimensioni abnormi rispetto alle risorse dei volontari. E' stato anche presentato un dettagliato  progetto affinché venga garantito un vero e proprio servizio al territorio."

Da qualche mese - si legge ancora nella nota - ignoti hanno preso di mira le mangiatoie dei poveri gatti che sistematicamente sono costretti a digiunare perché privati di cibo e acqua, quindi delle necessità primarie. Gli episodi si verificano ogni settimana, le postazioni destinate ad alimentare i gatti vengono depredate da ciotole e cibo, i volontari hanno più volte rinvenuto i felini affamati e destabilizzati; in alcuni casi il cibo è stato ritrovati nei bidoni dei rifiuti dalla direzione e addetti ai servizi cimiteriali, si legge nel documento. Ma qualcuno lo scorso sabato si è spinto anche oltre, probabilmente non agendo da solo, quando nelle prime ore del pomeriggio, forse attorno alle ore 14.00, ha divelto la targa del Comune di Brindisi  che indica alla cittadinanza la presenza della colonia felina protetta, per poi gettarla nel bidone dei rifiuti. Tutto sommato chi ha agito con foga e cattiveria non ha tenuto conto della video camera di sorveglianza posta all'ingresso dell'area cui filmati ora sono al vaglio dei Carabinieri, insiste la nota.

Anche la Polizia di Stato è scesa in campo a tutela della Colonia felina e per accertare i fatti accaduti, la Polizia Locale invece  ha effettuato tre accertamenti per il furto delle mangiatoie. "E' un problema di carattere culturale quello che insiste sul territorio, un problema mai affrontato a monte; oltre ad adire le vie legali, è necessario agire celermente su più fronti affinché il buon senso e  il livello di civiltà vengano  veicolati verso quella che dovrebbe essere la cultura del rispetto, così come messo in atto per la raccolta differenziata", conclude Brunetti. [email protected]