22 ott 2014

Il mondo punta sulle vie alternative alla vivisezione, l'Italia no

L'Enpa sollecita il governo a mantenere gli impegni assunti anche con l'Europa. Il nostro budget per il settore è di 80.000 euro in un anno. In Gran Bretagna di 6,5 milioni di sterline

/REX REVEALS UNIVERSITIES EXPERIMENTS ON CATS HAS EXPOSED THAT SEVERAL UNIVERSITIES HAVE EXPERIMENTED ON CATS AND KITTENS. CATS HAVE HAD THEIR SKULLS BROKEN, ELECTRODES ATTACHED TO THEIR BRAINS, RIBS AND SPINES AND BEEN LEFT PARALYSED AS A RESULT OF EXPERIMENTS CARRIED OUT AT UNIVERISITES ACROSS THE WORLD. REPORTED THAT SOME OF THE UNIVERSITIES INVOLVED INCLUDED UNIVERSITY COLLEGE LONDON (UCL), UNIVERSITY OF WISCONSIN AND CARDIFF UNIVERSITY. THE EXPERIMENTS ARE SAID TO HAVE BEEN PERFORMED SO THAT SCIENTISTS AT THE UNIVERSITIES COULD DISCOVER MORE ABOUT THE HUMAN BODY. REVEALED THAT THE CATS ENDURED A VARIETY OF EXPERIMENTS, INCLUDING HAVING THEIR EYES STITCHED SHUT SO THAT SCIENTISTS COULD ANALYSE THE CAUSES OF A LAZY EYE. THE ANIMAL CHARITY ALSO STATED THAT SCIENTISTS COLLAPSED THE CATS LUNGS, WHILE OTHER CATS WERE INJECTED WITH PARALYSING DRUGS TO PREVENT THEM FROM BEING ABLE TO MOVE AND BREATHE. MOST OF THE CATS AND KITTENS WERE KILLED FOLLOWING THE EXPERIMENTS. SPOKESPERSON, BEN WILLIAMSON, SAID: -EXPERIMENTING ON CATS AND DOGS WHO WOULD NORMALLY SHARE OUR HOMES CAN NEVER BE JUSTIFIED, AND WE FULLY SUPPORT THE PROPOSED BAN THAT WOULD END THEIR USE IN LABORATORIES. -THE DEVELOPMENT OF CUTTING-EDGE, NON-ANIMAL METHODOLOGIES THAT ACCURATELY PREDICT WHAT WILL HAPPEN IN HUMAN BEINGS IS EXCITING AND PROGRESSIVE, AND UNLESS UNIVERSITY COLLEGE LONDON WISHES TO BE AT THE BOTTOM OF THE CLASS, IT SHOULD EMBRACE TODAY'S HUMANE RESEARCH BREAKTHROUGHS. ITS STUDENTS, RESEARCHERS AND TEACHERS WOULD BENEFIT FROM MODERNISATION, AND ANIMALS WOULD NOT HAVE TO ENDURE TRAUMATIC AND FATAL EXPERIMENTS.- REVEALED THAT EXPERIMENTS AT CARDIFF UNIVERSITY SHOWED THAT KITTENS WERE RAISED IN DARKNESS OR HAD THEIR EYELIDS SEWN SHUT, AND WERE THEN SUBJECTED TO BRAIN EXPERIMENTS AND KILLED. A TOTAL OF 31 KIT... HTTP:/WWW.REXFEATURES.COM/STACKLINK/BEZGJAFAD %_ 3787734 _%
Gatto impiegato in un laboratorio in una foto Olycom

Roma, 22 ottobre 2014 – Negli Usa - è notizia della scorsa settimana - i ricercatori del Massachusetts General Hospital di Boston sono riusciti a ricreare in vitro un sistema di neuroni a partire da staminali umane, un "mini cervello" sul quale sono riusciti a riprodurre per la prima volta gli effetti dell'Alzheimer. La scoperta, rivoluzionaria nel suo campo, permetterà di bypassare la sperimentazione animale e avviare test sul modello umano; con una sensibile riduzione dei tempi necessari alla ricerca farmacologica e un incremento esponenziale della loro efficacia visto che gli esperimenti vengono condotti direttamente su cellule umane, senza utilizzare inutilmente quelle animali ed sono quindi test del tutto affidabili. Da un punto di vista etico, la scoperta dei ricercatori consentirà di salvare la vita di centinaia di migliaia di animali inutilmente impiegati in tali esperimenti. 

Mentre negli Stati Uniti i finanziamenti alle attività di ricerca (in campo non soltanto medico-farmacologico) svolgono un ruolo cruciale per i progressi della scienza "cruelty free", il nostro Paese continua a restare al palo nonostante gli impegni presi durante il recepimento della direttiva europea sulla sperimentazione animale. «Tale direttiva - ricorda il direttore scientifico dell'Enpa, Ilaria Ferri - stabilisce infatti che i Paesi UE devono sostenere i metodi alternativi/sostitutivi alla sperimentazione animale con l'impiego di risorse dedicate.» 

In un solo anno la Gran Bretagna ha stanziato ben 6,5 milioni di sterline (pari all'incirca a più di 8 milioni di euro). Anche Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Germania e Svezia si sono attivati in questo campo. L'Italia, invece, è come sempre fanalino di coda con soli 80mila euro, pari a 220 euro al giorno, appena sufficienti a pagare uno stipendio dignitoso a due ricercatori. «Il vero problema - prosegue Ferri - è che non abbiamo ancora preso atto che il futuro della ricerca che consenta risultati utili per il progresso della scienza medica sarà inevitabilmente "cruelty free" e che, ben oltre le considerazioni di natura etica, questo settore offrirà negli anni a venire possibilità di crescita straordinarie. I finanziamenti da prevedere non sono un optional, ma una specifica indicazione della Direttiva Ue».
D'altro canto - se si considera che nel 99,7% dei casi gli esperimenti sugli animali falliscono, che ogni anno nella sola Unione Europea circa 200 mila persone muoiono per gli effetti collaterali di farmaci testati proprio sugli animali e che più della metà dei farmaci testati e messi in circolazione viene ritirata nel giro di qualche anno - si capisce come la "rivoluzione copernicana" della sperimentazione senza animali rappresenti ormai non un'opzione ma una necessità inderogabile. Nell'interesse dei 12 milioni di esseri senzienti non umani sacrificati ogni anno in Europa (900 mila in Italia) per un metodo mai validato scientificamente, ma anche nell'interesse di milioni di malati la cui sopravvivenza dipende dalla messa a punto di terapie realmente efficaci.

Per questo l'Enpa torna a richiedere fermamente al Governo impegni seri previsti dalla Direttiva Europea, non solo per favorire la ricerca medica, ma per evitare anche l'apertura di una ulteriore procedura di infrazione a carico dell'Italia.
Per contatti con la nostra redazione: animali@quotidiano.net

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?